/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 28 gennaio 2011, 18:06

Albenga: Ciangherotti presenta le ricevute e respinge le polemiche

"Prendo atto che i personaggi del Movimento “Albenga è” devono essersi conformati alla mentalità “prima repubblica”" dice Ciangherotti

Albenga: Ciangherotti presenta le ricevute e respinge le polemiche

"Mentre allego ricevuta della mia carta di credito personale Carige, utilizzata per pagare i complessivi 497.09 euro spesi di tasca mia per volo aereo Lufthansa A/R Nizza-Dusseldorf e pernottamento al Ruhr Hotel di Essen, prendiamo atto che i personaggi di spicco del Movimento Civico di “Albenga è”  devono essersi conformati ancora alla vecchia mentalità politica della “prima repubblica”, dove, se c’è da mangiare per uno, ce ne deve essere per forza per tutti. Sì, non si spiegherebbe in altro modo la dichiarazione dei Consiglieri Alberto Passino e Vittorio Varalli, che, non possono “fare a meno di notare con una certa curiosità la presenza dell’Assessore ai Servizi Sociali Dott. Eraldo Ciangherotti … per appurare se la sua partecipazione, che certamente ha comportato dei costi di viaggio, vitto ed eventualmente pernottamento, sia stata a carico del Comune, e quindi dei cittadini, date le evidenti difficoltà economiche e di bilancio del Comune di Albenga”. Lo dichiara Eraldo Ciangherotti, Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Albenga.

Prosegue l’Assessore Ciangherotti: “Che pellegrini! Che gente ridicola! Che pagliacci questi “dilettanti” di “Albenga è”. Non hanno ancora capito, nel loro più totale isolamento dalla vita amministrativa della città, che la mia presenza nel mondo della politica locale e la mia partecipazione all’amministrazione della cosa pubblica sono dettati esclusivamente dal desiderio, oltre che dall’impegno, di stare in mezzo alla gente, per conoscere e tentare di risolvere i reali problemi sociali in ogni fascia della popolazione. E l’agricoltura è, senza dubbio, un settore che merita attenzione da parte delle Istituzioni”.

“Magari, al pensatoio di “Albenga è”, almeno si fossero resi conto che, se, nella nostra città, sono oltre venti gli istituti bancari operativi e se il 70 % dell’economia locale è in mano all’agricoltura, allora i nostri florovivaisti meritano tutta la nostra considerazione. A costo anche di sacrificare qualche soldino del proprio portafoglio, secondo lo spirito di servizio della vera politica, per andare a conoscere di persona un mercato di proporzioni consistenti e riflessi determinanti per il nostro prodotto interno lordo. Se stupisce che mai in passato il Comune sia andato ufficialmente, prima di oggi, ad Essen, ancor più lascia senza parole l’assenza di tutti i Consiglieri dell’opposizione ingauna all’IPM, nel padiglione degli italiani, in mezzo agli stand dei nostri produttori ingauni. Ad “Albenga è”, spiace doverlo rimarcare, resta solo l’invidia arsurante di chi avrebbe voluto fare, nella politica del vecchio millennio, la parte del gatto e la volpe, disposti ad ogni tipo di furfanteria, pur di intascare almeno le dieci monete d’oro”. Conclude Ciangherotti.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium