/ Savona

Savona | 28 gennaio 2011, 17:02

Savona: porto Savona-Vado, un 2011 visto con fiducia e cauto ottimismo

Le previsioni economiche per il porto di Savona-Vado tendono al sereno per questo anno appena iniziato

Savona: porto Savona-Vado, un 2011 visto con fiducia e cauto ottimismo

Un 2011 visto con fiducia e cauto ottimismo. Le previsioni economiche per il porto di Savona-Vado tendono al sereno per questo anno appena iniziato. Traffici in ripresa e progetti in partenza spingono la lancetta del “barometro”portuale verso il sereno. “Prima dell’ultimo trimestre 2010 ero molto pessimista, ma gli ultimi segnali, specie in questo primo scorcio di 2011, mi fanno diventare ottimista – esordisce Giancarlo Porretti. Presidente Unione Utenti del Porto di Savona-Vado già console in anni precedenti della Compagnia portuale -. Si sono viste tante navi in questo periodo: sicuramente merci varie, rinfuse solide, alimentari e cellulosa non vanno male; addirittura abbiamo anche rivisto una nave di banane sciolte dopo una decina d’anni!” “Una serie di segnali incoraggianti – spiega - quando riprendono a muoversi l’acciaio e le rinfuse vuol dire che le industrie riprendono a produrre”. “Ribadisco mi sembrano segnali positivi – sostiene Porretti - poi magari si tratta di un fuoco di paglia, ma al momento ci sono sensazioni sicuramente molto incoraggianti”.

Dello stesso avviso l’Associazione Agenti Marittimi Raccomandatari e Agenti Aerei Mediatori Marittimi e Spedizionieri delle province di Imperia e Savona. “Sicuramente quello che abbiamo letto sui giornali, cioè lo sblocco dei fondi sulla piattaforma contenitori è positivo per l’economia portuale – afferma la presidente di Isomar, Alessandra Orsero -. A breve termine prevedo un consolidamento delle linee attuali, ma ovviamente si lavora sempre per aumentare i traffici del nostro porto”. “Molti operatori, purtroppo, conoscono soltanto Genova e non Savona, specie in Sudamerica o nel Far East – spiega -. Bisogna pertanto promuoverlo meglio; così, in Autorità portuale, abbiamo messo giù un bel piano per rafforzare globalmente la nostra immagine”. “Sicuramente come operatività penso che Savona abbia ottime prospettive di sviluppo – aggiunge la Orsero –. Perciò, sono ottimista per questo 2011. Peraltro, a Vado la crisi si è sentita poco e anche a Savona le difficoltà di alcuni comparti sono state bilanciate da altri. Certo, il periodo di crisi non è ancora del tutto terminato, ma ci sono segnali di recupero che vanno sostenuti facendo anche, come detto, più promozione del porto”.

sav.econ.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium