Cronaca | martedì 02 settembre 2014 08:42

24 Ore

(h. 17:22)

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Ricerca

Cronaca | mercoledì 15 giugno 2011, 18:32

Tutta Salute: a Vado Ligure mancava solo l'acqua di fosfina

Condividi |  

Allarme nel pomeriggio per il fumo che si levava da un mercantile. Un incendio? Macchè. Una reazione chimica che produce gas tossico, secondo quanto riscontrato dalla Capitaneria di Porto, che diffida il comandante "made in Liberia". In corso accertamenti. Non è un'esercitazione

E' stata da poco diramata questa nota della Capitaneria di Porto di Savona:

Alle ore 1430 di oggi alla sala operativa di questo comando e’ pervenuta segnalazione in merito ad un presunto incendio a bordo della montonave m/n Scl Nicole di bandiera Liberia impegnata in operazioni commerciali di sbarco di granaglie presso il pontile terminal rinfuse di Vado Ligure (accosto sud).

Venivano immediatamente attivate le procedure antincendio ed in particolare veniva fatto convergere in zona il rimorchiatore Citta’ di Savona e personale del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco. In zona interveniva anche la MV CP 604 e il nucleo di ispettori per la sicurezza della navigazione di questa Capitaneria.

A seguito di verifiche a bordo si e’ riscontrato che non era in atto alcun incendio ma che il fumo presente dipendeva da una reazione chimica provocata dal contatto con acqua di fosfina presente nel carico all’interno di contenitori  permeabili (calze).

Verificato quanto sopra si attivava il dispositivo antinquinamento con la stesura di panne galleggianti onde evitare lo spandimento del prodotto che nel frattempo era caduto in mare in modesta quantita’ a causa dell’intervento con idranti da parte del personale di bordo.

Gli effetti accertati consistono nella produzione di gas tossico (dati rilevati da scheda tecnica del prodotto); la squadra dei vigili del fuoco intervenuta provvedeva alla messa in sicurezza del prodotto oggetto di reazione mentre il restante materiale ancora asciutto e presente nel carico veniva trattato dal chimico del porto che provvedeva alla sua rimozione ed alla messa in sicurezza mediante conferimento a ditta autorizzata.

Non si e’ riscontrata presenza di feriti o intossicati e gli effetti sono stati modesti e svaniti in breve tempo. Si e’ proceduto comunque a diffidare il Comando di bordo ad eliminare gli effetti dannosi dello sversamento ai sensi della legge sulla difesa del mare riscontrandosi anche la violazione della normativa antinquinamento e delle disposizioni in materia di sicurezza sul lavoro.

Ulteriori accertamenti sulle cause dell’evento verranno eseguiti nelle prossime ore.

 

 

 

 

 

 

com. CCPP SV

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore