/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Auto tenuta sempre in garage, ottime condizioni. Grigio Metallizzata, interni in pelle nera, sedili riscaldabili,...

Centralissimo vicinissimo mare in viale Martiri della Liberta` contratto 4+4 residente arredato 11 vani 177mq....

Centrale via Aurelia n.91 a 80 metri mare con parcheggio pubblico a 15 metri contratto 6+6 negozio in ordine 60mq. e...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | mercoledì 03 ottobre 2012, 11:01

Il Comune di Savona non autorizza l'affissione dei manifesti de "La Destra" che grida alla censura

La Destra grida alla censura per i manifesti sul degrado urbano. Noi per dovere di cronaca li pubblichiamo integrali così come il comunicato. Certamente non saranno illegali ma a ben guardarli ...

"Data la forte escalation di criminalità che ha investito Savona in questi ultimi mesi la sezione savonese del partito di Storace "La Destra" aveva preparato un manifesto che avrebbe richiamato l'attenzione dei nostri concittadini sull'emergenza legalità. Come denunciamo da tempo, intere zone a partire da Santa Rita per arrivare alla Fontanassa e punti un tempo salotto della città quali piazza Diaz sono in completo stato di abbandono. La più totale mancanza d'intervento da parte del Comune ha fatto sì che in questi ultimi mesi nascessero spontaneamente iniziative di protesta da parte dei cittadini. Contro il degrado urbano sorgono tutt'ora comitati di quartiere e interventi di natura drastica quali l'innalzamento di cancellate davanti agli ingressi condominiali nel centro cittadino".

"Mentre il tessuto urbano fa da sfondo ad una rievocazione teatrale da Suburra, nel Palazzo Civico i nostri amministratori sono esclusivamente impegnati nei balletti della politica. Dalla nomina di Di Tullio a vicesindaco alle proteste, naturalmente mai concretizzatesi, di Rifondazione Comunista d'abbandonare la maggioranza qualora ciò fosse avvenuto. Dalla visita di Renzi per parlarci in comunella con Berruti sul futuro dell'Italia ai dati dell'amministrazione di quest'ultimo che lascerà in eredità a Savona un buco di circa 100 milioni di euro, un'emergenza abitativa con ben 600 famiglie savonesi senza prima casa, tasse come l'Imu per le categorie socialmente deboli, un campo Rom da mantenere a nostre spese per il vezzo di chi fa il buon samaritano con le tasche dei cittadini stremati dalla crisi".

"In quest'ottica il Comune di Savona ha pensato fosse cosa turpe l'affissione di questi nostri manifesti che, ci teniamo a specificarlo, a differenza delle mastodontiche campagne pubblicitarie delle forze rappresentate in Parlamento, è sempre ed esclusivamente pagata coi soldi dei militanti de La Destra savonese. Rileviamo inoltre che, quantomeno sul web, tramite la nostra pagina ufficiale facebook, detti manifesti stanno riscuotendo grande diffusione presso i nostri concittadini che non sembrano disdegnarli affatto. Del resto, a fronte di una forte emergenza pensavamo di avere il diritto di una forte denuncia pubblica".

"La grafica stessa dei manifesti vietati ha, come sfondo, il semplice utilizzo di titoli tratti negli ultimi mesi da giornali locali. A pensar male parrebbe che ci sia qualcuno avverso alla semplice cronaca giornalistica derivata dagli effetti di un'amministrazione comunale assente".

"Ci pregiamo, come del resto facciamo di consueto, di aver comunque tenuto un manifesto affisso sulla parte interna della vetrina della nostra sede, anch'essa diverse volte oggetto di rigurgiti, a detta di alcuni, autenticamente democratici, in modo tale che si abbia, seppure in minima parte, il diritto di esprimerci sulle questioni che riguardano questa città dove vorremmo anche noi avere diritto di parola per fare serenamente politica".

"Marca male per i censori delle idee altrui perché La Destra non mollerà neppure un centimetro. Noi, a differenza di altri, poggiamo le nostre azioni non sulle leggi dell'interesse ma sulle buone ragioni di militanti che fanno della politica un atto d'impegno pulito al servizio della comunità".

"Quest'ennesimo atto ai danni della nostra libertà di espressione ci porta a sciogliere ogni indugio e domandare a tutte le forze savonesi di centrodestra dalla parte della legalità di organizzare insieme a noi una fiaccolata di protesta contro il degrado e la malamministrazione del Comune di Savona".

"A Savona La Destra, a scapito di chi non la vorrebbe, c'è e ci sarà sempre più al fianco di tutti i cittadini lasciati soli nel completo degrado dall'incapacità politica delle sinistre salottiere".

Com. Federazione Provinciale La Destra Savona

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore