/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 31 dicembre 2012, 13:05

Liberato a Sarzana l'imprenditore Andrea Calevo

Sequestrato dopo rapina nella sua villa a Lerici il 16 dicembre

Liberato a Sarzana l'imprenditore Andrea Calevo

E' stato liberato l'imprenditore edile Andrea Calevo, rapito il 16 dicembre scorso dopo una rapina nella sua villa a Lerici (La Spezia).

Patron della societa' edile Calevo Nestore & Figlio srl fondata 120 anni fa dal bisnonno, 31 anni, era stato portato via da tre uomini che lo attendevano in casa dopo aver immobilizzato e legato la mamma.

Calevo e' stato liberato a Sarzana (La Spezia) al termine di una operazione di polizia giudiziaria, un'operazione congiunta di Polizia e Carabinieri. L'operazione è il risultato di una complessa e articolata attività svolta dalle Forze dell'Ordine, Polizia di Stato e Arma dei Carabinieri, coordinati dalla Procura Distrettuale Antimafia di Genova.

Lo precisa una nota della Polizia.

La Direzione Centrale Anticrimine, diretta dal Prefetto Gaetano Chiusolo, ha "messo in campo - prosegue la nota - sin dall'inizio del sequestro, tutte le migliori risorse a disposizione, con l'impiego di personale del Servizio Centrale Operativo, del Servizio Polizia Scientifica, per lo svolgimento delle attività di accertamento di natura
tecnica, e del Servizio Controllo del Territorio con l'invio degli equipaggi dei Reparti Prevenzione Crimine".

A quanto si e' appreso, Calevo sarebbe stato trovato da solo nello scantinato di un'abitazione di uno dei sospettati.


Per il sequestro sono stati fermati due italiani, zio e nipote di Ameglia, e un albanese.

Quando e' stato liberato, Calevo ha ringraziato gli uomini del Ros e ha pianto. Portato a casa ha abbracciato familiari e amici e ha raccontato di essere stato portato subito nello scantinato dove e' stato ritrovato. ''Per passare il tempo facevo flessioni, ero legato con una catena''. Anche la sorella Laura ha ringraziato: gli investigatori e i i giornalisti. ''Ci hanno aiutato'', ha detto.

Ansa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium