/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 30 marzo 2013, 15:30

Legge sul Recupero dei sottotetti: Marco Melgrati fortemente preoccupato

Legge sul Recupero dei sottotetti: Marco Melgrati fortemente preoccupato

Grande preoccupazione espressa dal Capogruppo del P.d.L. in Regione Marco Melgrati circa la ordinanza l’ordinanza del Tribunale Penale di Savona del 8 febbraio 2013 di rimessione degli atti alla Corte Costituzionale circa la questione di legittimità costituzionale sollevata riguarda gli articoli 2, comma 1 e 4 della L.R. n. 24/2001 (cd. legge sottotetti), per violazione dell’articolo 117, comma 2, lett. l) della Costituzione, nella parte in cui stabilisce la potestà legislativa esclusiva dello Stato in materia penale, e dell’articolo 2, commi 3 e 8, della medesima legge regionale per violazione del disposto di cui all’art. 117, comma 3 della Costituzione nella parte in cui riserva allo Stato la potestà legislativa per la determinazione dei principi fondamentali in materia di governo del territorio

Infatti questa Legge, fortemente voluta dall’allora Vicepresidente e assessore all’urbanistica Franco Orsi della Giunta Regionale di Centro Destra guidata da Sandro Biasotti, è sicuramente una buona legge, che ha permesso di risolvere problemi abitativi, aiutare famiglie a dare una casa ai propri figli, a creare un volano per l’economia, senza consumo di territorio. Costruire (poco, alzando i tetti esistenti di pochi centimetri e bene) sul costruito, e con basso impatto ambientale sullo sky line delle città e dei centri storici, laddove è stata applicata. Peraltro molte altre Regioni, prima e dopo la Liguria, avevano approvato leggi simili, se non pressoché uguali, in virtù del fatto che le Regioni hanno con lo Stato in materia Urbanistica Legislatura “Concorrente”.

Per questo motivo il capogruppo del P.d.L. Marco Melgrati ha presentato una Interrogazione Urgente, visto lo stato di confusione che questa Ordinanza ha generato nei Dirigenti e Funzionari degli uffici Tecnici dei comuni, non appena questa notizia si è diffusa.

L’interrogazione considera in particolare che:

- l’articolo 2, comma 1 e l’articolo 4 della L.R. n. 24/2001, ove prevedono che sono consentiti interventi di recupero dei sottotetti in deroga alla disciplina stabilita dalla strumentazione urbanistica comunale vigente od in corso di formazione ed in deroga ai Piani Regolatori Generali ed ai Piani Urbanistici Comunali vigenti e/o adottati ed alle disposizioni dei regolamenti edilizi vigenti, violerebbero il disposto dell’art. 117, comma 2, lett. l) della Costituzione nella parte in cui stabilisce la potestà legislativa esclusiva dello Stato in materia penale. Ciò in quanto tale deroga introdurrebbe di fatto una causa di esenzione dalla responsabilità penale e, specificamente, una causa di non punibilità per il reato previsto dall’articolo 44 del D.P.R. n. 380/2001 (T.U. Edilizia). Esso qualifica come illecito penale un intervento edilizio non conforme alle norme stabilite dai regolamenti edilizi e dagli strumenti urbanistici. Con il che escludendo -- la legge sottotetti -- l’applicabilità della norma incriminatrice nel caso in cui l’intervento sia relativo ai locali sottotetto o comunque ad altri volumi o superfici collocati in parti dell’edificio diverse dai sottotetti, giusta il successivo articolo 4, violerebbe la riserva e la potestà esclusiva dello Stato in materia penale;

- l’articolo 2, commi 3 e 8, della L.R. n. 24/2001, ove prevede che gli interventi di recupero dei sottotetti esistenti sono classificati come ristrutturazione edilizia anche nel caso in cui avvengano con modificazione delle altezze di colmo e di gronda, nonché delle linee di pendenza delle falde, violerebbe l’art. 117, comma 3 Cost. nella parte in cui riserva allo stato la potestà legislativa per la determinazione dei principi fondamentali in materia di governo del territorio. Ciò in quanto la legge regionale di recupero a fini abitativi dei sottotetti esistenti amplierebbe la categoria della ristrutturazione edilizia -- riconducendo ad essa anche la “modificazione delle altezze di colmo e di gronda nonché delle linee di pendenza delle falde” -- in contrasto con la disposizione statale (art. 3 del D.P.R. n. 380/2001) cui è demandata l’individuazione e la definizione delle categorie degli interventi edilizi;

che da più parti sono emersi dubbi in ordine alla perdurante vigenza, validità ed efficacia della L.R. 24/2001 a seguito della rimessione degli atti alla Corte Costituzionale;

che quanto sopra ha determinato negli operatori incertezze applicative di non poco momento;

Vista anche la preoccupante Sentenza del T.A.R. Liguria, Sez. I, 14 dicembre 2012, n. 1658 che ha ritenuto abrogata, dall'art. 3 del D.P.R. n. 380 del 2001, “la disposizione di cui art. 2 comma 3 primo periodo (gli interventi diretti al recupero dei sottotetti sono classificati come ristrutturazione edilizia ai sensi dell'articolo 31, lettera d), della legge 5 agosto 1978 n. 457) della legge regionale Liguria 6.8.2001, n. 24”,

il capogruppo del P.d.L. Marco Melgrati Interroga l’Assessore all’Urbanistica Gabriele Cascino affinché intervenga con urgenza al fine di chiarire la situazione, se del caso con una Circolare Esplicativa, confermando che fino alla pronuncia della Sentenza della Corte Costituzionale che si esprimerà sull’ammissibilità e sulla fondatezza della questione sollevata, la L.R. n. 24/2001 è pienamente vigente, valida ed efficace e che, di conseguenza, tutte le Amministrazioni comunali sono tenute ad applicarla.

Né, a sommesso parere dell’interrogante, l’applicabilità della L.R. cosiddetta dei “sottotetti” può essere allo stato messa in discussione dalla pronuncia del T.A.R. Liguria sopra richiamata che, in quanto pronunciata con riferimento ad una fattispecie specifica, non ha portata generalizzata e che, in ogni caso, non è passata in giudicato.

L’assessore Regionale all’Urbanistica Gabriele Cascino e gli uffici legislativi Regionali “DEVONO”, una volta per tutte, dare tranquillità agli uffici Tecnici dei Comuni, agli operatori e ai privati, stante le numerose operazioni di recupero di sottotetti ancora in corso, già terminate e in corso di presentazione da parte dei cittadini.

L’assessore deve dirci se ritiene di difendere, in tutte le sedi opportune, questa legge che per noi è sacrosanta e sintomo di civiltà.


 


Marco Melgrati, Presidente Gruppo P.d.L. Regione Liguria


Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium