/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 26 marzo 2014, 07:36

Esplode la rabbia dei lavoratori Tirreno Power: presidio ai cancelli

Il grido d'allarme:"Ci tolgono la prospettiva per il futuro"

Esplode la rabbia dei lavoratori Tirreno Power: presidio ai cancelli

Questa mattina è esplosa nuovamente la rabbia dei lavoratori della Tirreno Power: i dipendenti dell'indotto infatti dalle 6 di questa mattina occupano i cancelli dello stabilimento di Vado Ligure.

Ieri nel corso del vertice che si è svolto in Prefettura l'azienda ha annunciato la cassa integrazione ordinaria per i 102 lavoratori diretti della Tirreno Power ed in deroga per tutti i dipendenti dell'indotto.

Molta preoccupazione era stata espressa sia dai sindacati, che dall'assessore Enrico Vesco, ma soprattutto dai lavoratori, preoccupati per il loro futuro.

Ieri i sindacati avevano annunciato che avrebbero messo in campo mobilitazioni ed eventualmente sciopero generali. Lo stato di agitazione di oggi sarebbe però autogestito, non proclamato dall' RSU.

Intatto si attende il tavolo convocato al Ministero a Roma per il prossimo 9 aprile, nel quale si discuterà di Tirreno Power e del piano industriale.

"La nostra richiesta" - ha spiegato ieri Luca Porcile, Rsu  dell'azienda- "E' stata la cassa integrazione straordinaria che riguarda anche i lavoratori dell'indotto, ad oggi Tirreno Power non ci sente e propone la cassa integrazione ordinaria per 102 dipendenti diretti di Tirreno Power, ci vuole la pressione di tutti per arrivare alla cassa integrazione straordinaria"

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium