/ Al direttore

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Al direttore | 15 marzo 2015, 20:00

Svincolo Miramare dell'Aurelia bis Albisola-Savona1 : la replica di Forzano alla Paita

Svincolo Miramare dell'Aurelia bis Albisola-Savona1 : la replica di Forzano alla Paita

Il Presidente del Comitato Casello Albamare Paolo Forzano replica alle risposte offerte dall'assessore Paita:

 

La risposta dell’assessore Paita alla interrogazione della consigliera Della Bianca riguardante la possibilità di realizzare a Miramare uno svincolo dell’Aurelia bis con tutte le direzioni di marcia e quindi di poter inglobare le funzionalità dello svincolo Margonara proposto da Anas è assolutamente insoddisfacente in quanto invece di rispondere con valutazioni tecniche, e con i pro ed i contro relativi alle due soluzioni (progetto Anas a Margonara contro progetto unico a Miramare) da cui si possa trarre una decisione oggettiva, la risposta  risulta insoddisfacente in quanto evita completamente l’oggetto. 




Rispondiamo punto punto.


Paita afferma:


1)  Siamo stati in contatto da subito con tutti i diversi Comitati che si sono formati relativamente all'opera Variante Aurelia di Savona. Li abbiamo più volte incontrati e ascoltati, abbiamo svolto diversi sopralluoghi e verifiche sulla base delle loro richieste. Anche nell'ambito dell'ultimo incontro pubblico, svoltosi in autunno in sala rossa a Savona, alla presenza della sottoscritta, dei tecnici della Regione e dei referenti e progettisti di ANAS, abbiamo dimostrato massima attenzione a tutte le richieste avanzate e, dove possibile, cercato una soluzione quanto più possibile condivisa.


risposta-> in sala Rossa a Savona l’assessore Paita non ha assolutamente considerato la nostra proposta affermando che con noi non vuole parlare: questa nostra affermazione è testimoniata dalla registrazione video integrale dell’incontro!


2) dal punto di vista tecnico, in merito alla IRI in oggetto, è opportuno specificare che l'introduzione delle connessioni viarie garantite dallo svincolo di Margonara nell'ambito della variante Aurelia tra Savona e Albisola, è del tutto indispensabile per il corretto funzionamento dell'intero sistema. La reintroduzione di tale svincolo nell'ambito dei lavori avviati, è stata richiesta a più riprese da tutti gli enti interessati (Comune, Provincia e Regione), fino ad ottenere l'attuale studio da parte di ANAS. La nuova soluzione proposta risulta peraltro di minor impatto rispetto a quello a livelli sfalsati originario che il Ministero per i Beni Culturali aveva chiesto di stralciare in sede CIPE, ma di analoga funzionalità.


risposta-> siamo sempre stati a favore dell’introduzione delle funzionalità soppresse dell’originale svincolo Margonara, condividiamo il fatto che dal punto di vista paesaggistico il progetto Anas sia meno impattante del progetto originale. Purtroppo, ed evidenziamo “purtroppo”, il progetto Anas è totalmente carente dal punto di vista funzionale, ed è anche “fuori legge”: vedasi legge DM 19-04-06 “norme funzionali e geometriche per la costruzione delle intersezioni stradali”. 


L’Anas lo sa bene, come bene lo sa la Regione Liguria. L’Anas nel documento di “progetto definitivo” dello svincolo Margonara dichiara che il progetto non è soggetto a tale legge, ma la deroga “deve” essere autorizzata dal CIPE o dal ministero. L’Anas dichiara altresì che tale progetto non è soggetto alla legge del 2006 in quanto trattasi di un reinserimento di uno svincolo già previsto: falso perchè lo svincolo è completamente diverso da quello originale ed inoltre nel progetto originale lo svincolo era correttamente progettato (secondo leggi precedenti a quella del 2006) a livelli sfalsati e non a rotatoria.



 3) Per quanto riguarda la diversa soluzione di svincolo proposta per la zona di Miramare, che si richiede di prendere in esame, come già fatto in diverse sedi, si è richiesto ad ANAS, in quanto stazione appaltante con competenza diretta, di effettuare le proprie valutazioni in merito sullo schema di svincolo proposto, per fornire una risposta più dettagliata sotto il profilo tecnico; da un primo esame dei nostri uffici, sembrerebbero comunque sussistere perplessità in merito.


risposta-> Quali sono le perplessità in merito? Noi siamo sempre stati disponibili al confronto, che però non ci è mai stato concesso! Quando  e in quale sede si potranno affrontare tecnicamente  questi temi?


4)  Bisogna anche sottolineare che introdurre cambiamenti radicali ad un'opera progettata, appaltata, ed addirittura in corso di esecuzione, potrebbe comunque comportare problemi di non facile soluzione.


risposta-> affermazione assolutamente condivisibile, ma vaga e poco oggettiva: l’affermazione “potrebbe comunque comportare problemi di non facile soluzione” significa che non si è analizzata accuratamente la proposta!

- E’ bene precisare che è estremamente più impattante la realizzazione dello svincolo Margonara progettato da Anas che non la proposta nostra di realizzare tutte le possibili direzioni di marcia a Miramare: a Miramare l’attuale progetto di svincolo dell’Aurelia bis andrebbe modificato di poco, sostituendo le rampe di ingresso-uscita da corso Ricci verso le funivie con una rotatoria sul tracciato dell’Aurelia bis, con modesti altri cambiamenti all’attuale progetto, mentre dovrebbe essere abbassata di qualche metro l’attuale Aurelia, con grandi benefici anche per la connessione col futuro porto turistico di Miramare. Costi “decisamente inferiori” alla realizzazione dello svincolo Margonara di Anas e “funzionalità decisamente superiore”.

-Per realizzare Margonara è necessario allargare la galleria principale dell’Aurelia bis per realizzare le corsie di uscita e di immissione, e questo per una lunghezza di alcune centinaia di metri e del costo di almeno 12 milioni di euro, il tutto contestualmente alla realizzazione della galleria principale. Da un punto di vista temporale questo deve avvenire “molto prima” di un intervento nella zona di Miramare in quanto la costruzione procede da levante verso ponente, non dimentichiamo inoltre il progetto di Margonara non dispone ancora dell’approvazione del CIPE, nè tantomeno dei finanziamenti necessari (55 milioni).

- La seconda fase della realizzazione dello svincolo Margonara di Anas (gallerie di svincolo e rotatoria) è totalmente incerto da un punto di vista temporale per via della copertura  finanziaria attualmente inesistente, perchè non esiste neppure l’approvazione del progetto nel suo insieme.


Conclusioni: dalla lettera si evince la pervicace volontà di procedere con la scelta già effettuata senza nessuna considerazione dal punto di vista politico e tecnico di eventuali altre opportunità, come la nostra proposta

rg

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium