/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | mercoledì 22 aprile 2015, 07:37

La Guardia Costiera sequestra le reti ed il pesce pescato a un grosso peschereccio a strascico al largo di Ceriale

Violate le regole di tale tipo di pesca, reti “sottomisura” con una maglia troppo piccola e quindi capace di catturare troppo, anche gli esemplari di età giovanile.

La Guardia Costiera sequestra le reti ed il pesce pescato a un grosso peschereccio a strascico al largo di Ceriale

 

 

Ieri notte, nel mare davanti a  Ceriale, la Motovedetta 545 della Guardia Costiera savonese di stanza nel porto di Loano, ha fermato un peschereccio a strascico, proveniente da Imperia, intento ad effettuare la pesca con reti “sottomisura”, cioè con una maglia troppo piccola e quindi capace di catturare troppo, anche gli esemplari di età giovanile.

Si tratta del terzo caso di peschereccio a strascico fermato a seguito di esercizio abusivo della pesca nel ponente savonese in pochi mesi. Negli altri due casi si era trattato di pesca esercitata con attrezzi regolari ma su fondali troppo bassi; in quei casi fu la posidonia la “vittima” di tali illeciti.

Al Comandante del peschereccio, che navigava senza aver attivato i sistemi di “rapportazione” navali obbligatori, sono state contestate sanzioni per diverse migliaia di euro, sequestrati gli attrezzi da pesca e il pescato e decurtati diversi punti dalla licenza di pesca.

Occorre ricordare che per contenere gli effetti dannosi, derivanti dall’uso improprio della tecnica della “a strascico”, tale pesca è disciplinata da norme rigorose sia nazionali che europee. Le dimensioni delle maglie della rete, la profondità del fondale, la distanza dalla costa, i periodi di esercizio tassativi, sono tutti parametri individuati secondo soglie minime pensate per scongiurare la cattura di esemplari giovanili o impedire nocumento all’habitat marino, in particolare delle praterie di posidonia.

 

rg

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore