/ Eventi

24 Ore

Cerca nel web

Eventi | 06 luglio 2015, 18:30

Garlenda, concluso ieri il 32° Meeting Internazionale Fiat 500

All'evento hanno perso parte oltre 800 appassionati provenienti da buona parte delle regioni italiane e da almeno una quindicina di nazioni estere.

Garlenda, concluso ieri il 32° Meeting Internazionale Fiat 500

 

Il gran caldo non ha fermato l'entusiasmo dei cinquecentisti. La "festa della 500" si è conclusa ieri, con il galà che in mattinata ha visto sfilare sul palco i cinquecentisti stranieri – rappresentanza belga in testa, in quanto nazione d'onore 2015 – e quelli che si sono in qualche modo distinti per chilometri percorsi, allestimento della vettura, look degli equipaggi e così via.

Il 32° Meeting Internazionale Fiat 500, con i suoi 851 partecipanti, provenienti da buona parte delle regioni italiane (anche quelle più distanti, come Campania, Calabria, Sicilia e Veneto) e da almeno una quindicina di nazioni estere, si è chiuso in bellezza, confermando l'affetto del mondo intero per la mitica utilitaria.Durante il galà sono stati anche premiati gli artisti coinvolti nell'estemporanea di pittura organizzata in collaborazione con l'associazione "Amici nell'Arte". La "500 d'oro" è andata a Diana Villa, quella d'argento a Constantin Staneacsu. 

Sabato sera lo show "Cinquecentista Protagonista" ha proposto musica, balli, intrattenimenti vari e momenti dedicati ai personaggi più particolari del raduno, con tanto di incursione fuori stagione di Babbo Natale, accompagnato dalle sue fedeli renne, per la gioia dei bambini e anche degli adulti che non vogliono smettere di sognare! Tutto ciò grazie alla presenza di un equipaggio da Rovaniemi (Finlandia), il paese di Santa Claus.

Una manifestazione che non ha trascurato né la solidarietà, con la presenza dell'Unicef e della "Band degli Orsetti" dell'Ospedale "G. Gaslini" di Genova, né il supporto tecnico agli appassionati del cinquino, con l'intervento di prestigiose aziende quali Allianz, Bardahl e Michelin. L'arrivo delle vetture coinvolte nella "500 miglia in 500" verso l'ora di pranzo ha fatto contento anche chi ha un approccio più "avventuroso" e sportivo al mondo dei cinquini. Nel pomeriggio, ancora intrattenimenti a Parco Villafranca e, a seguire, serata danzante con orchestra.

Positiva la ricaduta sul territorio, con molte strutture turistiche occupate nel savonese e anche nell'imperiese, e l'immagine di una Liguria che si offre generosa con mare, verdi colline, prodotti d'eccellenza che i cinquecentisti si porteranno negli occhi e nel cuore al loro rientro a casa. Garlenda, con lo staff del Fiat 500 Club Italia al completo, l'impegno di Comune e Proloco grazie anche ad uno stuolo divolontari di tutte le età, ha ribadito il suo ruolo di "Capitale mondiale del cinquino" e dà appuntamento a tutti al primo weekend di luglio 2016.

In allegato, alcuni scatti della manifestazione (restiamo a disposizione per inviare ulteriori immagini e/o files in alta risoluzione). Qui il linkper scaricare (entro il 13 luglio) un breve filmato che riassume l'evento.
Vi suggeriamo inoltre alcuni spunti per eventuali articoli/servizi di approfondimento: chiedeteci pure materiale in merito.

  • un paese intero si mobilita: Garlenda&la 500, una storia lunga 31 anni;
  • il Fiat 500 Club Italia e la solidarietà: dal Gaslini all'Unicef;
  • le escursioni sul territorio: ecco come la 500 permette di scoprire le bellezze di costa ed entroterra;
  • 500&Arte al 32° Meeting: le opere di Stefano Bressani, l'estemporanea di pittura, il murale di Parco Villafranca;
  • le storie dei cinquecentisti stranieri: dalla Spagna a Garlenda per i coniugi che nel 1979 si sposarono in cinquino; dalla Germania sulle piste della Parigi-Dakar contro l'AIDS; Italia&Belgio: due nazioni da sempre vicine grazie anche alla 500; Babbo Natale viaggia in cinquino; dalla Francia con tanto divertimento ecco la Scuderia Annacatafoca;
  • le storie dei cinquecentisti italiani: Garlenda, appuntamento irrinunciabile anche per chi viene dall'estremo sud o dal nord-est; e se possibile si viaggia in perfetto stile "slow drive";
  • il Museo Multimediale della 500 "Dante Giacosa" ed il gemellaggio con il Museo dell'Orologio da torre "G.B. Bergallo: "ingranaggi" perfetti per raccontare due eccellenze italiane.


c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium