/ Pietrese

Pietrese | 06 luglio 2015, 12:00

Sclerosi multipla, novità farmacologiche e sostegno psicologico: domani un incontro al Santa Corona di Pietra Ligure

Dalle 14.30 si svolgerà l'incontro, organizzato dal Centro Sclerosi Multipla del nosocomio pietrese, aperto ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che sono interessati a questo argomento

Sclerosi multipla, novità farmacologiche e sostegno psicologico: domani un incontro al Santa Corona di Pietra Ligure

Novità farmacologiche e sostegno psicologico al centro di un incontro dedicato ai malati di Sclerosi multipla. Domani, martedì 7 luglio, dalle ore 14.30, presso la Sala Congressi dell’Ospedale S. Corona si svolgerà un incontro, organizzato dal Centro Sclerosi Multipla del nosocomio pietrese, aperto ai pazienti affetti da tale patologia, ai loro familiari e a tutti coloro che sono interessati a questo argomento.

"La Sclerosi Multipla è una malattia demielinizzante degenerativa del Sistema Nervoso Centrale e rappresenta la più frequente causa di disabilità neurologica tra gli adulti al di sotto dei 40 anni. In questi ultimi anni sono stati autorizzati e immessi in commercio numerosi farmaci che hanno lo scopo di modificare la storia naturale della malattia, anche se profondamente diverso è il loro profilo di sicurezza", spiega la dott.ssa Tassinari, direttore della S.C. Neurologia di Pietra Ligure.

Nel corso dell’incontro si parlerà delle varie possibilità terapeutiche, anche alla luce delle ultime novità farmacologiche e del loro impatto sulla vita quotidiana. Sarà anche l’occasione per presentare un’interessante iniziativa che la struttura di Neurologia  ha da poco tempo attivato in collaborazione  con il Servizio psichiatrico di diagnosi e cura.

"Spesso le persone affette da Sclerosi Multipla subiscono un importante stress psicologico  favorito dalla paura di non poter realizzare appieno i propri progetti esistenziali. Il poter parlare ed affrontare tali paure con persone specializzate in tali problematiche ha lo scopo di garantire un ulteriore supporto e migliorare la qualità della vita di questi pazienti" –spiegano la dott.ssa Caterina Vecchiato, direttore della Psichiatria  e la  dott.ssa Francesca Fiscella, sua collaboratrice.

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium