/ Attualità

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 21 luglio 2015, 18:56

Noli: lettera aperta dei consiglieri di minoranza sul bilancio

L’aliquota IRPEF alzata al massimo consentito per legge.

Noli: lettera aperta dei consiglieri di minoranza sul bilancio

Ieri lunedì 20 Luglio alle ore 09,00 ( di mattina !!... ) si è svolto il consiglio Comunale di Noli

e per i cittadini Nolesi era sicuramente meglio che ciò non avvenisse.

Nel conssiglio precedente furono stralciati alcuni punti all’ordine del giorno fra i quali quello sicuramente più importante ( Bilancio) per evidenti non conformità al regolamento sia Comunale che Nazionale..

Ieri mattina, al secondo tentativo, insieme agli altri punti  è stato approvato anche il Bilancio.

Come già accaduto lo scorso anno abbiamo assistito all’imposizione di una serie sommaria e diffusa di aumenti che inevitabilmente ricadranno su tutti i cittadini Nolesi.

L’elenco sarebbe lungo anche perché gli incrementi apportati hanno  praticamente toccato tutte le aree soggette ad imposizione fiscale.; dal sociale ai servizi scolastici inclusi i trasporti, all’utilizzo di strutture comunali, alla richiesta e  presentazione di documenti e pratiche etc.

Tuttavia una su tutte va evidenziata: l’aliquota IRPEF alzata al massimo consentito per legge.

In cifre un obolo in più da pagare di circa 100.000,00  Euro e per non farci mancare nulla anche un bel 28.000,00  Euro in più di TARI

Anche il Sig. Sindaco, con onestà,va detto, ha presentato questa “modifica IRPEF” come “nota dolente”

Rimane e si conferma il triste punto politico: neppure questa “operazione”,come molte altre da noi segnalate in passato quali l’introduzione lo scorso anno e nuovamente confermata della Tasi sulla prima casa e altre imposizioni fiscali di varia natura, erano presenti nel programma di Salviamo Noli Niccoli Sindaco.

In effetti la lista si chiamava “SalviamoNoli” e non “ Salviamo i Nolesi” !

Il Sig. Sindaco ha premesso che tutta queste serie di aumenti è dovuta a quanto lo stato chiede in più o conferisce in meno alle Amministrazioni Comunali ergo una mancanza di risorse per i Comuni.

Siamo pienamente consapevoli di questa situazione e comprendiamo le difficoltà di un’Amministrazione Comunale nel “far quadrare”i conti ma anche qui diventa,inevitabilmente, un punto politico: serve fare delle scelte.

E sono proprio le scelte fatte da questa amministrazione che noi non condividiamo e non approviamo.

La nostra “ricetta” seppur non breve ed articolata in diverse proposte, (ben presenti invece nel nostro programma elettorale), è sinteticamente riassumibile in :

Se tagliar bisogna cominciamo dal supefluo quindi senza mettere le mani in tasca ai cittadini.

Temiamo inceve,anche alla luce di questo nuovo bilancio, che la strada intrapresa dall’attuale Amministrazione Comunale sia proprio quella opposta. 

 

cs

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium