/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 21 luglio 2015, 13:54

Cairo, scappa dal centro di accoglienza e rapisce una bambina di tre anni: interrogatorio confuso, il profugo ghanese sarà messo sotto osservazione a Marassi

L’uomo era stato arrestato sabato dai Carabinieri per i reati di sequestro di minore e di tentata rapina. Questa mattina l'udienza di convalida di fronte al gip.

Cairo, scappa dal centro di accoglienza e rapisce una bambina di tre anni: interrogatorio confuso, il profugo ghanese sarà messo sotto osservazione a Marassi

Risposte sconnesse, sconclusionate.  Questo l'esito dell'interrogatorio di questa mattina del profugo ghanese di 21 anni che sabato scorso era prima scappato dalla struttura di accoglienza di Cairo Montenotte, per poi rapire una bambina connazionale di tre anni.

Oggi, nell'udienza di convalida di fronte al gip Filippo Maffeo, il giovane profugo si é dimostrato confuso, dando risposte sconnesse alle domande poste dal giudice sui fatti e i reati commessi.

L’uomo infatti era stato tratto in arresto dai Carabinieri per i reati di sequestro di minore e di tentata rapina. Secondo le disposizioni del gip che ha convalidato l'arresto, il profugo sarà messo sotto osservazione presso la sezione speciale del carcere di Marassi a Genova.

Il giovane ghanese, arrivato da pochi in Italia, era stato ospitato all’interno della struttura di accoglienza “Villa Raggio” a Cairo Montenotte e sottoposto al Trattamento Sanitario Obbligatorio. Risale a sabato mattina la fuga dalla struttura e l’immediata attività di ricerca intrapresa dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Cairo Montenotte. L’uomo infatti, una volta allontanatosi da “Villa Raggio”, avrebbe chiesto accoglienza ad una famiglia di connazionali, facendosi ospitare. In un momento di distrazione però l’uomo avrebbe preso con sé la bambina di tre anni per scappare.

Da qui sarebbe iniziato l’inseguimento sia da parte dei genitori che da parte dei militari che hanno arrestato l’uomo in flagranza di reato mentre, con la bambina tra le braccia, avrebbe cercato di fermare un automobilista con la forza per impossessarsi dell’auto e scappare.

Debora Geido

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium