/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 31 agosto 2015, 10:45

Non si rassegna alla fine dell’amore con la compagna e da’ fuoco al suo locale, “Follia” di Altare

Ricostruita la dinamica dell’accaduto. L’ex marito della titolare si è recato all’interno del locale forzandone la porta ha cosparso di benzina alcune sedie accatastate e vi ha dato fuoco. Si stimano circa 400 mila euro di danni. DAnni anche all'abitazione della donna

Non si rassegna alla fine dell’amore con la compagna e da’ fuoco al suo locale, “Follia” di Altare

Un amore tormentato, finito in malo modo e un uomo che non si è mai rassegnato, questo il movente che ha spinto l’ex marito della titolare del locale “Follia” di Altare ad appiccare il terribile rogo che ha distrutto l’intero capannone danneggiando in maniera consistente anche il mobilificio vicino.

Un desiderio di vendetta implacabile che da tempo covava nella mente dell’uomo ed arrivato ieri al suo culmine.

Il savonese recatosi nel locale ne ha forzato la porta accedendovi con poca difficoltà ieri notte intorno all’una. A questo punto è stato facile per lui destreggiarsi all’interno della struttura che aveva in passato gestito con la compagna.

Dopo aver accatastato le sedie al centro del locale le ha cosparse di benzina e vi ha dato fuoco.

Il rogo è stato devastante e si è diffuso rapidamente in tutto il locale, anche per l’alta incendi abilità del materiale all’interno, in particolare moquette e cartongesso.

Proprio il dirompente divampare delle fiamme ha inoltre causato ustioni al responsabile del gesto che, ferito, ha allertato il 118 chiedendo l’intervento e cercando di “sminuire” la gravità delle ferite.

Pare abbia, infatti detto ai soccorritori che chiedevano informazioni sulla tipologia delle ferite “Mi sono fatto male, nulla di grave”, ma la segnalazione non è passata inosservata e le Forze dell’Ordine sono state immediatamente informate dell’accaduto.

L'uomo aveva inoltre danneggiato poco prima di recarsi presso il locale anche l'abitazione della donna a Plodio. Fortunatamente la donna non ha incontrato l'uomo e non è stata ferita durante il raptus di follia dell'ex compagno sebbene sia attualmente comprensibilmente scossa per l'accaduto.

Immediato l’intervento dei Carabinieri di Altare che hanno sottoposto il savonese ad arresto, l’uomo si trova ora presso il centro ustionati di Genova piantonato dai militari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Intanto si contano i danni nel capannone che ha preso fuoco, da una prima stima si parla di circa 400 mila euro di danni complessivi sia per il locale “Follia” che per il mobilificio lì vicino .

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium