/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | giovedì 07 aprile 2016, 16:11

Andora, aspetta la moglie alla fermata del bus e la massacra di botte: 60enne rumeno rimane in carcere

Oggi l'interrogatorio di fronte al gip Fiorenza Giorgi

Andora, aspetta la moglie alla fermata del bus e la massacra di botte: 60enne rumeno rimane in carcere

È stato interrogato questa mattina nel tribunale di Savona l'uomo di 60 anni che martedì notte, una volta aspettato la moglie alla fermata dell’autobus ad Andora, l'ha scaraventata a terra e l'ha colpita con calci e pugni.

Ad intervenire sul posto erano stati gli uomini del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Alassio che, a seguito della chiamata al 112 effettuata dal conducente del pullman, erano intervenuti verso le 24 nei pressi del complesso denominato Ariston. I militari dopo aver soccorso la donna e raccolto le testimonianze dei presenti hanno rintracciato l’uomo, che ne frattempo si era allontanato, lo hanno arrestato. La donna ha riferito inoltre che da diversi mesi il marito la picchiava, la ingiuriava e maltrattava. L’uomo S.D. 60enne nato in Romania e residente ad Andora è accusato di maltrattamenti, lesioni e atti persecutori.

Oggi nel tribunale di Savona l'udienza di convalida e l'interrogatorio di fronte al giudice per le indagini preliminari Fiorenza Giorgi.

Debora Geido

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore