/ Sanità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Sanità | 26 luglio 2016, 12:20

A Garlenda l'istituzione del registro del testamento biologico

Pittoli:"Documenti scritti contenenti le manifestazioni di volontà di coloro che intendono indicare in anticipo i trattamenti medici ai quali essere o non essere sottoposti nel caso in cui si trovassero in condizione d’incapacità"

A Garlenda l'istituzione del registro del testamento biologico

 

Ieri sera il Consiglio Comunale di Garlenda, ha approvato all’unanimità  l’istituzione del registro del testamento biologico, al fine di riconoscere e tutelare la piena dignità delle persone e promuoverne il pubblico rispetto anche nella fase terminale della vita umana.

“Il Consiglio”, spiega il sindaco Silvia Pittoli, “ ha così dato mandato alla Giunta di istituire attivamente il registro, dando ai cittadini residenti a Garlenda la possibilità di raccogliere e conservare le ‘dichiarazioni anticipate di volontà’, dette anche ‘testamento biologico’. Si tratta di documenti scritti contenenti le manifestazioni di volontà di coloro che intendono indicare in anticipo i trattamenti medici ai quali essere o non essere sottoposti nel caso in cui si trovassero in condizione d’incapacità, ferme restando comunque le valutazioni cliniche che dovrà effettuare il medico””.

“La persona che lo redige”, prosegue il primo cittadino, “nomina un fiduciario che diviene, nel caso in cui la medesima diventi incapace, il soggetto chiamato a dare fedele esecuzione alla volontà della stessa per ciò che concerne le decisioni riguardanti i trattamenti sanitari da svolgere”.

Ha partecipato alla seduta Garlendina il Prof. Piero Corradi Presidente dell’Associazione Laica Ingauna il quale ha relazionato sulla tematica.

La proposta discussa in Consiglio è pervenuta tramite  una cittadina residente membro della Associazione Laica Ingauna.

“Abbiamo accolto da subito la richiesta ritenendo la possibilità del testamento biologico un servizio importante per i cittadini in un paese civile.

Occorre precisare che il servizio di raccolta e custodia dei testamenti biologici è totalmente gratuito per i cittadini residenti. Riferisce il Sindaco Pittoli

Ringrazio la nostra concittadina Rosella Simone per averci posto all’attenzione il delicato argomento e ringrazio il Prof. Piero Corradi per la disponibilità mostrata”, conclude il sindaco.

 

 

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium