/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 08 agosto 2016, 15:00

Savona, dalla minoranza un ordine del giorno contro posizioni xenofobe e razziste: "Promuovere politiche inclusive e di solidarietà"

L’ordine del giorno che sarà discusso nel consiglio comunale di domani è stato presentato da Partito Democratico, “Noi per Savona” e Rete a Sinistra.

Savona, dalla minoranza un ordine del giorno contro posizioni xenofobe e razziste: "Promuovere politiche inclusive e di solidarietà"

Dalla minoranza arriva un ordine del giorno contro le posizioni xenofobe e razziste del centro destra, in particolare dopo alcune dichiarazioni di Salvini che a Savona ha sostenuto la coalizione del centro destra che ha vinto poi le elezioni.

L’ordine del giorno che sarà discusso nel consiglio comunale convocato domani in palazzo Sisto, è stato presentato da Cristina Battaglia, Barbara Pasquali, Giovanni Maida, Elisa Di Padova, Paolo Apicella l gruppo del Partito Democratico, Andrea Addias del gruppo Lista Civica Battaglia Sindaco, Daniela Pongiglione di “Noi per Savona” , Marco Ravera di Rete a Sinistra.

“Ancora una volta Matteo Salvini, con le sue esternazioni relative all’omicidio di Fermo. Ha confermato le sue posizioni xenofobe e razziste, provocando un progressivo abbassamento della soglia di civiltà e una legittimazione di tali comportamenti e azioni discriminatorio e violente. La preoccupazione, riguardo alla nostra città, nel momento in cui solo poco tempo fa questo personaggio politico è stato presente due vote a Savona in sostegno della coalizione di centrodestra che oggi è al governo di questa città. Città che ha avuto sempre, tra i suoi principi fondamentali, i valori di solidarietà e accoglienza. Alla luce di ciò e con l’inizio del lavoro della nuova amministrazione, chiediamo una forte presa di posizione e di distanza da questo genere di populismo xenofobo e razzista, da parte del sindaco e dell’intero consiglio comunale. Chiediamo pertanto al consiglio comunale, che si appresta ad assumere azioni ed iniziative che avranno ricadute sull’intera comunità, confermi politiche inclusive e orientate verso quei  valori di solidarietà e accoglienza che hanno connotato le politiche sociali e culturali della nostra città negli ultimi anni”.

Debora Geido

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium