/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 10 agosto 2016, 13:15

Vertenza Piaggio, il PD Regionale: "Si riparte dalla verifica dell'accordo di programma del 2014"

Dopo l'incontro di ieri alla Presidenza del Consiglio, intervengono i consiglieri Raffaella Paita, Giovanni Lunardon, Luigi De Vincenzi

Vertenza Piaggio, il PD Regionale: "Si riparte dalla verifica dell'accordo di programma del 2014"

"Bene l'incontro ieri tra Governo e sindacati su Piaggio. Si riparte dalla verifica dell'accordo di programma del 2014". Dopo l'incontro di ieri alla presidenza del Consiglio sulla vertenza Piaggio, intervengono i consiglieri Raffaella Paita, Giovanni Lunardon, Luigi De Vincenzi del Gruppo PD Regione Liguria. 

"L'incontro di ieri tra Governo e sindacati su Piaggio Aero e' stato positivo. E' stato importante che il Governo abbia risposto tempestivamente alla sollecitazione dei sindacati, delle istituzioni locali e anche nostra, a convocare subito un incontro al massimo livello istituzionale a cui hanno partecipato il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio De Vincenti e il Ministro allo Sviluppo Economico Calenda. E' stato detto con grande chiarezza che il piano presentato dall'ad di Piaggio Logli il 28 luglio al Mise non era e non e' frutto di condivisione con il Governo e che per quanto riguarda quest'ultimo si riparte da una puntuale verifica circa le condizioni dettate dall'accordo di programma del 2014. Il ministro Calenda si e' assunto l'impegno di fare queste verifiche con l'azienda e di riconvocare i sindacati e le parti sociali entro la fine di settembre. Il Governo ha ribadito il proprio impegno a seguire una vertenza fondamentale per il sistema Paese e ancora di più per il nostro territorio. Sono impegni importanti che tolgono anche elementi di ambiguità che l'azienda tramite il suo management aveva voluto diffondere nell'incontro tenutosi al Mise, presentando un piano industriale che consideriamo irricevibile. Noi proseguiremo il nostro impegno al fianco dei lavoratori nel difendere i presupposti di un accordo, quello del 2014, che garantiva integrità dell'azienda, occupazione e investimenti. Si riparte da li con la volontà di rilanciare Piaggio nello scenario nazionale e internazionale, di garantire il futuro di una tra le più avanzate aziende tecnologiche del nostro Paese e di mettere in sicurezza centinaia di posti di lavoro preziosi in una regione come la nostra colpita da una crisi che continua a far sentire i suoi effetti".

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium