/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Centralissimo vicinissimo mare in viale Martiri della Liberta` contratto transitorio non residente massimo 18 mesi...

Centrale via Aurelia n.91 a 80 metri mare con parcheggio pubblico a 15 metri contratto 6+6 negozio in ordine 60mq. e...

Centrale via Aurelia n.91 a 80 metri mare con parcheggio pubblico a 15 metri contratto 6+6 negozio in ordine 60mq. e...

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | mercoledì 14 settembre 2016, 14:03

Albenga, sequestrati 39 ovuli di cocaina: in manette due pusher marocchini (FOTO)

I due spacciatori operavano prevalentemente in vico Rossi e piazza Torlaro, sebbene la loro attività illecita fosse stata registrata anche in piazza Berlinguer

Ennesimo colpo allo spaccio messo a segno dei militari del Nucleo Operativo della Compagnia ingauna. I continui appostamenti, pedinamenti messi in atto dopo le segnalazioni dei cittadini, hanno consentito di arrestare due attivi spacciatori nordafricani che operavano prevalentemente in vico Rossi e piazza Torlaro, sebbene la loro attività illecita fosse stata registrata anche in piazza Berlinguer.

Si tratta di EL FALAHI Charaf e EL FELLAHI Mohamed, entrambi ventiduenni marocchini, il primo incensurato mentre il “socio” risulta essere pluripregiudicato.

Negli ultimi giorni i numerosi servizi in borghese hanno consentito di “monitorare” i due soggetti particolarmente dediti alle cessioni di narcotico. Nella serata di ieri é scattato il blitz nel centro storico dove sono state chiuse tutte le possibili vie di fuga ai due pusher che, per la distribuzione al dettaglio della cocaina, a turno guidavano un motociclo utilizzato da vettore come un vero e proprio “pony express”. Chiusi in trappola dai militari e disarcionati dal centauro i due sono stati arrestati subito dopo aver spacciato un ovulo di coca ad un sanremese quarantaquattrenne residente ad Imperia.

La perquisizione personale e sul motociclo ha permesso di rinvenire nella loro disponibilità quasi 40 ovuli di coca per un peso complessivo di circa 20 grammi e oltre 300 euro in contanti ritenuto ovviamente di provenienza illecita.

Mentre i Carabinieri li arrestavano, uno dei pusher dichiarava di essere uscito dal carcere neanche 7 giorni prima, a seguito di un precedente arresto avvenuto proprio per mano dei Carabinieri 9 mesi prima e, quasi amareggiato affermava: “Ma come mi arrestate di nuovo, neanche il tempo di rimettermi in affari?”

I Carabinieri, localizzata la loro dimora, una baracca in località San Giorgio ad Albenga, a pochi passi dalle Opere Parrocchiali, la perquisiscono e trovano il laboratorio per il taglio ed il confezionamento della cocaina. Tutto sotto sequestro, anche il motociclo, risultato privo di copertura assicurativa, su cui viaggiavano senza aver mai conseguito la patente. Alla contestazione della mancanza di patente affermavano: “Ma perché per guidare in Italia ci vuole la patente?”.

Ai due sono stati comminati il sequestro amministrativo del veicolo e 10.000 euro di verbale al codice della strada più altri 700 euro per la mancata copertura assicurativa. I Carabinieri del Nucleo Operativo ritengono che il narcotico di 40 ovuli rinvenuto costituisca il quantitativo da loro spacciato mediamente ogni giorno nei vicoli.

Per i pusher si sono aperte le porte del carcere di Imperia in attesa dell’interrogatorio di garanzia. Le accuse sono spaccio e detenzione ai fini di spaccio in concorso. L’acquirente sanremese, con qualche precedente alle spalle, sarà segnalato all’Ufficio Tossicodipendenze della Prefettura di Savona, quale assuntore.

In questo scorcio di fine estate i servizi perlustrativi messi in atto dalla Compagnia Carabinieri di Albenga, per contrastare lo specifico fenomeno dello spaccio di stupefacente, sono stati intensificati anche in orario notturno.

 

 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore