/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | martedì 04 ottobre 2016, 11:15

Tartaruga vicino alle coste di Pietra Ligure

Il moltiplicarsi delle Caretta Caretta è indice di un mare pulito e di un ecosistema equilibrato

Questo ottobre caratterizzato da giornate calde e da un mare limpido, particolarmente favorevole per gli avvistamenti in quanto illuminato da un cielo terso e chiaro, sta regalando qualche sorpresa positiva agli amanti della natura e dell’ambiente.

In particolare, l’ultimo avvistamento in ordine di tempo è stato nella tarda mattinata di sabato 1° ottobre, tra le 11:30 e le 11:45, quando una tartaruga di considerevoli dimensioni si è avvicinata alle coste di Pietra Ligure, in prossimità dei Bagni “Giardino”.

L’unica specie di tartaruga visibile nel Mar Ligure è quella che risponde al nome scientifico di Caretta Caretta, e non è neanche particolarmente comune. Questi avvistamenti, un tempo rari, si stanno però intensificando da due-tre anni a questa parte e, secondo gli ambientalisti che da decenni studiano il “Santuario dei Cetacei” (così viene chiamato il tratto di mare più o meno trapezoidale tra la Liguria, la Costa Azzurra e la Corsica, proprio per il proliferare di delfini e altre specie della stessa famiglia) la presenza di tartarughe è indice di un ecosistema equilibrato e di un mare pulito, quindi un ottimo segnale di “buona salute” per i nostri mari.

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore