/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | martedì 04 ottobre 2016, 19:00

Ad Albenga 200 osservazioni al Puc, Cangiano: "Segno positivo di partecipazione"

I consigliere Boscaglia: "La minoranza critica quando abbiamo tutelato più zone agricole di quanto era previsto nel piano regolatore. L'assessore Regionale Mai, del loro schieramento politico, cosa ha fatto invece?"

Ad Albenga 200 osservazioni al Puc, Cangiano: "Segno positivo di partecipazione"

Sono scaduti il 2 ottobre i termini per presentare osservazioni al PUC di Albenga e, come ci si aspettava, diverse sono state le osservazioni fatte (circa 200) ed i chiarimenti chiesti su questo particolare tema, sopratutto in relazione ai terreni agricoli.

Il timore principale quello della trasformazioni di molti terreni da agricoli ad edificabili con la conseguenza che, le aziende agricole interessate dovranno pagare le imposte conseguenti a tale cambiamento. Duri gli attacchi da parte della minoranza ai quali vuole rispondere il consigliere Manlio Boscaglia: “La minoranza forse si è dimenticata che sono stati loro stessi ad avere ideato un piano regolatore di questo tipo e che anzi l'amministrazione Cangiano ha tagliato di molto le zone edificabili e le nuove cementificazioni”.

Fa alcuni esempi Boscaglia: “Nella zona alta di Albenga diciamo quella che da Ceriale va a Cisano in base a quanto previsto dalle passate amministrazioni non sarebbe più stata agricola, noi invece l'abbiamo riportata ad essere tale così come la zona Cerisola o nei pressi di Viale Otto Marzo per fare alcuni esempi”.

“Abbiamo sempre tenuto in adeguata considerazione l'agricoltura che è la principale risorsa della piana di Albenga – continua Boscaglia – La minoranza invece cosa ha fatto? E cosa ha fatto l'Assessore Regionale Stefano Mai, appartenente al loro schieramento politico, a tal proposito?”.

Risponde Boscaglia: “L'assessore Mai ha fatto perdere la possibilità di ottenere i risarcimenti per i danni alluvionali e, sebbene oggi si stia cercando un'altra soluzione avere perso quella possibilità ritengo sia una cosa gravissima che mette a rischio (questo si) diverse aziende agricole. Ancora per quel che concerne gli incentivi per igiovani agricoltori previsti da un bando 2016/2020 devo far notare che il portale per accedervi non sono ancora attivi o per lo meno, lo sono solo in parte ed infatti è stato necessario spostare il termine per la presentazione delle domande che prima era fissato al 15 settembre”.

A concludere è poi il sindaco Giorgio Cangiano che afferma: “Sono state presentate circa 200 osservazioni, questo ritengo sia positivo perchè vuol dire che la cittadinanza ha voluto dare il suo contributo sul tema, così come le associazioni e i comitati. Naturalmente non tutte le osservazioni potranno essere accolte, ma nei prossimi 90 giorni valuteremo la loro rilevanza, accorperemo eventuali osservazioni dello stesso tenore e provvederemo eventualmente ad effettuare alcune modifiche al Puc”.

Conclude Cangiano: “Ancora non ho guardato tutte le osservazioni, ma insieme agli uffici lo faremo al più presto”.

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore