/ Val Bormida

Spazio Annunci della tua città

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Val Bormida | martedì 04 ottobre 2016, 14:45

Roccavignale, ripulita la scritta risalente al periodo fascista (FOTO)

L'epigrafe era stata imbrattata lo scorso 3 settembre

Ripristinata dal Comune la scritta risalente al periodo fascista situata a Roccavignale. L'epigrafe presente su una casa situata a lato della Strada provinciale, era stata imbrattata lo scorso 3 settembre da un simpatizzante del Partito Comunista dei Lavoratori di Cairo Montenotte. (Leggi l'articolo)

La scritta "E' l'aratro che traccia il solco ma è la spada che lo difende", era stata riesumata e restaurata lo scorso anno dal Comune su parere positivo della cittadinanza, naturalmente dopo aver cancellato il nome di Mussolini.

Al fine di evitare ulteriori polemiche in merito alla decisione di valorizzare un "reperto" risalente ad un periodo storico controverso, l'amministrazione comunale guidata dal sindaco Amedeo Fracchia ha provveduto ad istallare sulla casa anche una targa nella quale viene spiegata il significato e la storia di tale scritta. 

Questo il testo completo della targa

"La tradizione mitologica romana attribuisce a Romolo la fondazione di Roma nel 753 a.c. Quando Romolo tracciò il solco attorno la città, Remo lo valicò e venne ucciso. Nel fare ciò Romolo disse: "Con l'aratro si segna la città, con la spada di difende". La propaganda del fascio si ispirò a questo detto e lo fece dipingere su molte case, soprattutto in Piemonte e Liguria e resta una testimonianza storica del secolo scorso". 

Graziano De Valle

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore