/ 

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

| giovedì 13 ottobre 2016, 07:12

Un'altra notte senza esito, Luca Catania non si trova, oggi tavolo in Prefettura

Ricerche incessanti, indagini a 360°. Non si esclude nessuna ipotesi

Un'altra notte senza esito, Luca Catania non si trova, oggi tavolo in Prefettura

Un'altra notte senza esito; Luca Catania, carabiniere di 46 anni scomparso venerdì mattina dalla propria abitazione di Magliolo non si trova.

Vane sono state le speranze di riuscire a scoprire qualcosa in più, di trovare un indizio che potesse dare un'indicazione per capire dove indirizzare le ricerche, per continuare ad avere speranze.

Centinaia di uomoni e donne - Vigili del Fuoco, Soccorso Alpino, Forestale, Protezione Civile, Croce Rossa, sommozzatori, unità cinofile, amici, parenti, volontari - hanno battuto palmo palmo il raggio di un chilometro e mezzo dal punto di ultimo avvistamento ma di Luca nessuna traccia.

Una sparizione che lascia solo tanti punti interrogativi sopratutto in chi lo conosceva e, in queste giornate, ha voluto dare il proprio contributo concreto alle ricerche.

Luca conosceva molto bene Magliolo e dintorni per esservi cresciuto, per questo l'ipotesi che si sia perso nei boschi non convince pienamente, così come non convince il fatto che possa essergli accaduto un incidente, magari in una passeggiata, infatti , sebbene alcuni tratti siano particolarmente impervi e la presenza di qualcuno, magari a terra, potrebbe sfuggire al passaggio delle squadre di ricerca, pare comunque difficile ipotizzare che il carabiniere abbia voluto allontanarsi a piedi da casa e che, ad ogni modo, eventualmente le ricerche non abbiano dato esito se così fosse stato.

Troppe domande e troppi dubbi anche nel quale Luca si è allontanato. Pare infatti che prima di andare via abbia salutato la moglie dicendole che era impegnato per la giornata e che, allo stesso modo avesse detto che non si sarebbe recato al lavoro per quella giornata.

Luca, poi, avrebbe preso l'arma d'ordinanza ed avrebbe, invece lasciato il telefono a casa dopo averlo spento e resettato.

Comportamenti inusuali che fanno ipotizzare un allontanamento volontario o che sia successo qualcosa che va al di là di un incidente.

Tante le voci che si succedono in queste giornate di tensione, da storie famigliari, da storie legate al denaro, incidenti, gesti estremi. Una sparizione improvvisa ed apparentemente immotivata, insomma, lascia spazio a tutte le ipotesi ed è anche per questo che, durante il tavolo che si terrà oggi in Prefettura si cercherà di fare il punto delle ricerche e capire come andare avanti nei prossimi giorni

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore