/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 14 novembre 2016, 10:00

Nuovo municipio di Spotorno, Bonasera: "Ora bisogna agire senza inventare nulla"

Lo dice il capogruppo di Spotorno Che Vorrei

Nuovo municipio di Spotorno, Bonasera: "Ora bisogna agire senza inventare nulla"

 

All’ordine del giorno del Consiglio Comunale di Venerdì 11 novembre u.s., al primo punto, si è discusso l’interpellanza riguardante il Nuovo Municipio, presentata congiuntamente da tutti e tre i gruppi di minoranza.

"A causa di gravi problemi familiari – dice Francesco Bonasera capogruppo di Spotorno Che Vorrei – non ho purtroppo potuto partecipare alla seduta del Consiglio e dare il mio contributo alla discussione. Lo hanno comunque fatto egregiamente gli altri due capigruppo Marcenaro, Riccobene ed il collega Rapetti. Colgo quindi l’occasione di esprimere alcuni concetti sulla vicenda, della quale mi sono occupato più volte, in minoranza, durante l’Amministrazione Calvi, cercando di fare un po’ di chiarezza".

"La costruzione della sede comunale da parte della Pastorino Costruzioni “tiene banco” a Spotorno dal 2006. Da allora molte cose sono cambiate compresa l’idea iniziale che prevedeva la realizzazione di prime case. Idea poi modificata dall’allora Giunta Calvi, della quale ricordiamo faceva parte l’attuale Sindaco Fiorini. Infatti in data 30/07/2012 l’Amministrazione Calvi (con il mio voto contrario) concesse lo svincolo degli appartamenti destinati a prima casa".

Continua: "La Pastorino Costruzioni con la nuova convenzione fu messa in grado di vendere a libero mercato quanto rimasto ai piani primo, secondo e terzo del fabbricato residenziale e relativi box pertinenziali. A fronte di questa nuova concessione vi fu la speranza che la ditta terminasse la costruzione del Municipio. Purtroppo ciò non avvenne. Calvi, anche grazie alle mie Interpellanze (l’ultima puntuale e stringente avvenne in data 6/10/2014) e trascorsi 18 mesi dal rilascio della nuova concessione edilizia, procedette all’escussione della fidejussione (non risultano atti in cui Fiorini si dichiarò contrario)".

"Fidejussione di Euro 1.470.000 rilasciata da una compagnia assicurativa (non da una banca come erroneamente dichiarato dal Sindaco ad un quotidiano) a garanzia della costruzione del nuovo comune, della sistemazione dell’area esterna e dell’acquisto dell’arredo (Art.14 convenzione del 2007 ribadita nella modifica del 30/07/2012 pag.14). E’ un falso problema, a mio modo di vedere e stando agli atti, pertanto quello dichiarato da Fiorini nel consiglio comunale del 11 u.s. in merito alla necessità di accordo per farsi consegnare il nuovo comune".

"Anche questo passaggio purtroppo per l’idea del Sindaco ma per fortuna degli spotornesi è precisamente normato dalla convenzione del 2007 che all’Art.4 stasbilisce tra l’altro “Su tale area (i parcheggi) è prevista la realizzazione, da parte del soggetto attuatore, a scomputo degli oneri di urbanizzazione, della nuova sede comunale di Spotorno dei parcheggi pubblici, della piazza e di altri collegamenti pedonali meglio visti ai punti che precedono. Tale cessione (che avverrà a favore del Comune a titolo gratuito, entro trenta giorni dalla richiesta che l’amministrazione formuli per iscritto al soggetto attuatore)".

"Pertanto perché accordarsi per ottenere qualcosa già nostro (l’immobile è a scomputo degli oneri di urbanizzazione)? Il nuovo comune non è terminato? La fidejussione di Euro 1.470.000 era stata chiesta a garanzia che ciò avvenisse - conclude Bonasera - Non siamo più in campagna elettorale, ora bisogna fare e per questo basta leggere le convenzioni ed attuarle senza inventare nulla".

 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium