/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 14 novembre 2016, 17:00

Spotorno investe sulle scuole

Contributi importanti per sostenere un’offerta scolastica densa di programmi dinamici e innovativi

Spotorno investe sulle scuole

Il Comune di Spotorno ha dato ufficialmente conferma della propria disponibilità a finanziare progetti integrativi al Piano dell’Offerta Formativa (POF) per la scuola dell'infanzia, la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado) mediante il trasferimento di 30mila euro da erogare entro giugno 2017.

Sempre entro giugno 2017, è previsto un finanziamento complessivo di 2mila euro per l’attività svolta dal personale ATA (cioè Amministrativo, Tecnico e Ausiliario) preposto ai compiti di accoglienza e sorveglianza alunni, uso e pulizia delle strutture, compresi i locali utilizzati dal micronido comunale, ed eventuale pulizia straordinaria, laddove se ne verificasse l’esigenza. La realtà scolastica spotornese, grazie anche a questo solido rapporto con il Comune, è oggi estremamente vivace, dinamica e propositiva.

Sono tante le iniziative, anche innovative, inserite nel programma, come ci spiega l’assessore alla Pubblica Istruzione e ai Servizi Sociali, Davide Delbono: “Quest’anno, oltre alle cifre già menzionate per il POF, posso aggiungere che gli stanziamenti per servizi come scuolabus, assistenza scolastica, borse di studio, ammontano a circa 115mila euro, al netto di retta delle mense e contributi regionali. Inoltre fino al 31 dicembre abbiamo impegnato circa 69mila euro in manutenzione su tutti i plessi scolastici. Gli aspetti tecnici legati a questi interventi sono stati seguiti dall’assessore ai Lavori Pubblici, Marina Peluffo”.

L’assessore Delbono, poi ci offre un elenco dettagliato delle iniziative: “In collaborazione con l’associazione genitori sarà introdotto uno sportello psicologico due volte alla settimana, a disposizione sia per le elementari che le medie. La volontà è quella di creare una rete tra famiglie e ragazzi per prevenire ogni forma di disagio: problemi di rendimento, fobie scolastiche, bullismo, ma anche situazioni problematiche di carattere familiare, con risultati sia educativi che preventivi. Troppo spesso, infatti, oggi anche a livello nazionale, sentiamo parlare di situazioni gravi che arrivano ai servizi sociali quando sono già al limite.

Abbiamo una Residenza Protetta con circa 60 posti, l’Opera Pia “Siccardi Berninzoni”, nello stesso parco delle scuole medie. Ci sarà una pedagogista che seguirà gli alunni di prima media per favorire l’incontro e il dialogo tra generazioni. I ragazzi raccoglieranno le storie di chi vorrà raccontarle e riattiveranno il giornalino scolastico, una bella attività didattica che negli ultimi anni era sospesa.

Il consiglio comunale dei ragazzi è una realtà ormai da tempo consolidata che tutti gli anni organizza un expo dei ragazzi. Quest’anno a giugno sono stati fatti lavori sulle varie zone di provenienza delle varie famiglie, in Italia e all’estero, così negli stand dell’expo si potevano trovare, uno a fianco all’altro, dal pesto al cous-cous. Stiamo ulteriormente espandendo questo programma e quest’anno ci sarà un progetto seguito da un consulente esterno che porterà al dialogo e all’interscambio tra culture attraverso il cibo, ma anche ricostruendo gli alberi genealogici. Vogliamo in generale potenziare gli scambi culturali e le lingue straniere”.

Conclude l’assessore: “Oltre a tutta questa panoramica, si riconfermano iniziative già consolidate, come il coro scolastico, con due musicisti che accompagnano i ragazzi nelle loro recite; la Ecoschool, che va avanti da diversi anni ed è un progetto di educazione ambientale legato alla Bandiera Verde, con attività durante l’anno (dalla raccolta differenziata alla pulizia delle spiagge); abbiamo ogni anno un cineforum scolastico con un ciclo di film tematici al cineforum.

E poi ci sono tante iniziative a costo zero dalla importante valenza educativa: corsi di educazione civica, educazione stradale, educazione sanitaria in collaborazione con i Militi della Croce Bianca (progetto frutto di una collaborazione Regione Liguria-ANPAS), e lotta agli incendi boschivi, anche in questo caso con la collaborazione dei volontari della Protezione Civile-AIB. Si crea così una solida rete nella quale il mondo del volontariato locale interagisce con il Comune e con le scuole”.

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium