/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 17 novembre 2016, 08:30

Caso sottotetti, Melgrati replica al sindaco di Villanova d'Albenga: "Caro Balestra, forse la memoria non ti aiuta"

"Da consigliere regionale di minoranza ho cercato ogni tipo di soluzione per ovviare a quello che appariva un problema insormontabile, dopo i sequestri della Magistratura inquirente"

Caso sottotetti, Melgrati replica al sindaco di Villanova d'Albenga: "Caro Balestra, forse la memoria non ti aiuta"

"Caro Pietro, credo che la memoria non Ti aiuti nel ripercorrere il mio apporto in questa vicenda, quando ero consigliere regionale (di minoranza). Forse non Ti ricordi che sono stato proprio io, su sollecitazione del Comitato dei Cittadini, colpiti da questo problema, ad organizzare una riunione a Villanova, alla Tua presenza (sindaco Cassiano) con l’assessore Regionale di allora, l’avvocato Cascino. E forse non Ti ricordi che sono stato proprio io a volere fortemente le due modifiche che avrebbero permesso, in ogni caso, di sanare questa situazione, anche con un pronunciamento sfavorevole della Magistratura giudicante. Infatti sono stato proprio io a richiedere all’assessore Cascino la modifica dell’art. 78 della legge Regionale 16/2008, che appunto dopo la modifica, approvata nella scorsa legislatura, oggi consente per il solaio sovrastante l’ultimo piano, nel nostro caso unico piano, al comma 3, riferito alle altezze, la possibilità di avere la media matematica di m. 2,30., di fatto consentendo una minore altezza “legittima” rispetto alla media dei m. 2,70 per l’ultimo piano delle costruzioni (legittimando comunque quanto fatto a Villanova)". Cosi Marco Melgrati, vicecoordinatore regionale di Forza Italia e Presidente di Politica per Passione, replica alla lettera del sindaco di Villanova d'Albenga Pietro Balestra (LEGGI QUI).

"Come sono stato sempre io a proporre e a far approvare, pur dalla minoranza, l’estensione al 2014 del termine temporale della Leggere Regionale 24/01, che di fatto avrebbe sanato questi interventi, sempre in caso di pronuncia negativa della Magistratura giudicante".

"Quindi - continua - sentirti dire che non me ne sono occupato mi ferisce, e dimostra la tua mancanza di memoria, perché non voglio credere ad una Tua cattiva fede. Certo è che i Dirigenti Regionali e l’assessore di allora sostenevano che l’interpretazione eccessivamente estensiva di una norma di rango Comunale che non può sostituire una legge Nazionale o Regionale. Io non ho mai sposato questa tesi, ma sembrava obiettivamente difficile da confutare". 

"Infatti in data 9 luglio 2013 era stata discussa in Consiglio regionale una mia interrogazione circa la legittimità della norma urbanistica del P.R.G. di Villanova che consentiva dopo aver realizzato i sottotetti senza computarli nel volume, il cambio di destinazione d’uso degli stessi ai sensi della legge regionale 24/2001".

"Dichiaravo in allora, dopo la risposta dell’assessore Cascino: “come temevamo questa norma non può essere considerata legittima (ma questa era la convinzione dell’assessore e degli uffici regionale, che pur avevano approvato questa norma nel P.R.G.), in quanto estende la legge dei sottotetti ad un periodo posteriore alla data di applicazione della norma, cioè l’ottobre del 2001. Questo è quanto è stato confermato questa mattina in Aula dall’assessore Gabriele Cascino, di fatto ripetendo quanto già esplicitato nella circolare degli uffici regionali al Comune di Villanova risalente allo scorso anno”".

"Per il resto sono felice che questa vicenda si sia felicemente risolta, dimostrando la prevalenza di un P.R.G. o di un P.u.c. sulle norme regionali, come di fatto prevederebbe la Legge. Ma da qui a dire che non me ne sono mai occupato… diverso è analizzare il problema alla luce dei dati di fatto, e questo ho sempre cercato di fare, in maniera obiettiva, cercando sempre una soluzione al problema. Credo che i cittadini di Villanova e gli imprenditori sappiano che sono sempre stato dalla Loro parte, qualunque cosa Tu possa dire - conclude Melgrati - E se oggi chiedo chiarezza e ricerca dei colpevoli, non credo di fare il male, ma ricercare GIUSTIZIA, per chi in questi anni ha patito ingiustizie e danni economici". 

 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium