/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Auto tenuta sempre in garage, ottime condizioni. Grigio Metallizzata, interni in pelle nera, sedili riscaldabili,...

Centralissimo vicinissimo mare in viale Martiri della Liberta` contratto 4+4 residente arredato 11 vani 177mq....

Centrale via Aurelia n.91 a 80 metri mare con parcheggio pubblico a 15 metri contratto 6+6 negozio in ordine 60mq. e...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | venerdì 18 novembre 2016, 16:48

Ponteggio crollato in Via Nizza a Savona il 23 Marzo 2016 Arrestato responsabile Ditta Ponteggi

Durante le indagini dopo l’irrogazione della detta misura è emerso un gravissimo quadro di prepotenti violazioni

Nella mattinata odierna i Carabinieri della Stazione di Savona hanno dato esecuzione all’ordinanza della sostituzione la misura cautelare dell’ “interdizione dall’esercizio dell’attività di imprenditore” con quella della custodia in carcere  emessa dal Tribunale di Savona, arrestando F.C. 32enne, residente a Vado Ligure.

Fece eco sulle maggiori testate giornalistiche l’infortunio che capitò nel mese di marzo, in questa via Nizza nel quartiere di Zinola, ad un operaio che a causa del distacco del ponteggio in fase di fissaggio, dopo essere rimasto in bilico ed appeso ad un fermo sporgente dalla facciata al quinto piano, sfinito si lasciò cadere rimanendo gravemente ferito.

L’A.G. dispose quindi ad F.C., non solo in fase d’indagine, la misura del divieto di esercizio della professione.

Le indagini effettuate dalla Stazione Carabinieri di Savona in simbiosi e preziosa collaborazione condivisa con lo P.S.A.L. dell’A.S.L.2 Liguria, hanno invece dimostrato che in effetti F.C. ha volutamente continuato ad esercitare tale attività, costituendo una ditta individuale, a nome di un proprio familiare, quale titolare di altra impresa di ponteggi, ma di fatto conservando il ruolo unico e indiscusso gestore dell’attività.

Durante le indagini dopo l’irrogazione della detta misura è emerso un gravissimo quadro di prepotenti violazioni della stessa.

Si è dato corso quindi a diverse perquisizioni in Savona, Arenzano e Genova presso gli uffici e la dimora dell’arrestato dalle quali sono emersi altri ulteriori prove dell’attività compiuta.

Il pubblico ministero che ha richiesto l’ordinanza è il Dott. Giovanni Ferro mentre il giudice che l’ha emessa Dottor Fiorenza Giorgi. 

L’arrestato dopo le formalità di rito è stato recluso presso la Casa Circondariale di Genova Marassi.

 

rg

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore