/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Auto tenuta sempre in garage, ottime condizioni. Grigio Metallizzata, interni in pelle nera, sedili riscaldabili,...

Centralissimo vicinissimo mare in viale Martiri della Liberta` contratto 4+4 residente arredato 11 vani 177mq....

Centrale via Aurelia n.91 a 80 metri mare con parcheggio pubblico a 15 metri contratto 6+6 negozio in ordine 60mq. e...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | mercoledì 07 dicembre 2016, 09:00

Autovelox di Cosseria, il sindaco Molinaro attacca: "Azione indecorosa da parte della Provincia, si è rischiato una bomba sociale"

Ieri sera incontro pubblico presso il Teatro "Osvaldo Chebello" di Cairo Montenotte

Riavere i soldi pagati senza dover spendere altri quattrini in cause e avvocati. E' questo il pensiero comune delle circa 250 persone che hanno preso parte ieri sera, presso il Teatro “Osvaldo Chebello” di Cairo Montenotte, all'incontro sul discusso autovelox situato in località Rossi a Cosseria. 

Presenti il sindaco di Cosseria Roberto Molinaro, il presidente di Assoutenti Gian Luigi Taboga, l'avvocato Claudia Olivieri, il presidente del Comitato territoriale di Villanova, il Comitato di Cosseria “No, non ci sto” e Marco Melgrati, esponente di Forza Italia. 

“La Provincia di Savona è intervenuta in maniera indecorosa – commenta il sindaco Molinaro – eravamo al corrente del posizionamento di due autovelox, ma di certo, non ci aspettavamo una cosa del genere. Fare sicurezza ok, fare cassa è un'altra cosa, purtroppo sia Cosseria, sia il territorio ingauno sono caduti in questo incubo. Tale vicenda ha rischiato di creare una bomba sociale, una sorta di mostro che non ha portato a niente".

"I residenti avevano chiesto solo un pochino di sicurezza - continua - anche loro sono caduti in questa trappola, per cui, trovo veramente indegno la spiacevole abitudine di vessarli con il clacson. Il limite dei 50 km/h era una bella imboscata per rimpinguare il bilancio provinciale".

“In questa battaglia ho avuto il sostegno da parte del territorio ingauno, il sindaco di Albenga Giorgio Cangiano è andato quasi in contrasto con la sua politica, abbiamo creato un fronte comune contro la Provincia che sembrava sorda. Il Prefetto ha avuto un grande senso di responsabilità, personalmente credo che il 60% della vittoria sia dovuto a lui”.

"Nonostante l'annullamento delle multe, la vicenda non è ancora finita, come istituzione della legalità continuerò a combattere, in particolare nei confronti di chi ha già pagato – conclude il primo cittadino Molinaro – dobbiamo fare fronte comune per i prossimi impegni e accettare le loro pretese. Personalmente, spero che ci sia qualche conseguenza per gli autori di tutto questo". 

Per chi ha già pagato, le multe possono essere rimborsate tramite un modello di rimborso che si può scaricare dal sito internet della Provincia. Questo documento consente di snellire la burocrazia e permette agli utenti di presentare in modo regolare il ricorso. Nel caso in cui la Provincia non adempi spontaneamente all'accredito, sarà necessario ricorrere a un'altra causa, ovvero, adire al Giudice di Pace. 

Laconico il commento di Marco Melgrati. Dopo aver fatto notare l'assenza delle istituzioni, l'esponente di Forza Italia ha chiesto con forza le dimissioni dei responsabili del posizionamento dei velox. 

Al termine, qualche intervento tecnico e qualche intervento dei residenti che hanno ribadito la necessità di avere strade più sicure. 

Graziano De Valle

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore