/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | mercoledì 18 gennaio 2017, 11:21

Continuano gli incendi nel ponente ligure: situazione sotto controllo a Capo Mimosa

In nottata è stata riaperta l’Aurelia che ieri era stata chiusa a scopo precauzionale e per consentire le operazioni di soccorso. L’incendio a Rollo è stato spento questa mattina, mentre la zona di Capo Mimosa resterà presidiata fino alle 12

E’ tornata sotto controllo, dopo ore ed ore di lavoro da parte dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile, la situazione nella zona di Cervo e Capo Mimosa, al confine tra le province di Imperia e Savona, colpita duramente da una serie di incendi tra domenica e ieri.

In nottata è stata riaperta l’Aurelia che ieri era stata chiusa a scopo precauzionale e per consentire le operazioni di soccorso. L’incendio a Rollo è stato spento questa mattina alle 6 mentre la zona di Capo Mimosa resterà presidiata almeno fino alle 12. C’è infatti il timore che le fiamme possano riprendere ed essere alimentate dal forte vento che sta spirando e che continuerà ad imperversare nel corso della giornata odierna, in una zona molto abitata e con la presenza di diverse attività turistiche.

Sono attivi ancora moltialtri focolai nell’entroterra imperiese. La zona che preoccupa di più è quella di Colle d’Oggia, dove il fronte di fuoco è stimato in circa 10 km. Le fiamme sono divampate sopra Pantasina, ma anche in Valle Argentina nella zona di Carpasioed in Valle Prino a Prelà, sopra Borgomaro e vicino ad Aurigo. Un incendio è in atto nella zona di Rezzo mentre un altro è segnalato a ridosso di Aquila D’Arroscia, dove si estende a Caprauna, nel cuneese ed anche verso il Pizzo d’Evigno.

L’impegno di Vigili del Fuoco e Protezione Civile è massimo mentre stanno arrivando due Canadair che opereranno sulle zone più attaccate dalle fiamme. Questa notte gli uomini a terra hanno presidiato abitazioni, stalle e fattorie per evitare che gli incendi si avvicinassero pericolosamente. Al momento sono ben 19 i Vigili del Fuoco in ‘rinforzo’ al Comando Provinciale, arrivati da Lombardia, Veneto ed Emilia. E’ stato richiamato anche dell’ulteriore personale per il lavoro straordinario.

Al momento è in atto l’opera di soccorso e, quindi, la disamina di quanto accaduto verrà fatta solo nelle prossime ore, quando la situazione tornerà alla normalità. Quasi sicuramente dietro gli incendi di queste ultime ore si cela un disegno criminoso di qualcuno. Sembra impossibile, infatti, che nonostante il clima particolarmente secco e freddo di questi ultimi giorni (unito al vento forte) possa essere la causa scatenante di incendi che, guarda caso, partivano sempre in zone diverse da dove si trovavano i soccorritori. Nelle prossime ore scatteranno le indagini degli inquirenti, per cercare di capire con precisione cosa sia realmente accaduto. 

 

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore