/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | giovedì 19 gennaio 2017, 13:00

Ampliamento della ESI nelle aree ex Arcos di Albissola: dalla Regione il via libera

Con la variante, l’azienda farmaceutica potrà espandersi occupando un’area su cui sarà realizzato un edificio industriale multipiano che consentirà di incrementare la superficie coperta di circa 5.000 metri quadrati.

Via libera all’ampliamento della ESI, l’azienda nata nel 1975 a Genova ma che dal 1991 opera ad Albissola nel settore dei prodotti fitoterapici, nutraceutici, dietetici ed integratori alimentari. A confermarlo ieri la Regione che ha approvato la modifica dell’accordo di programma per le aree ex Arcos di Albissola Marina per il potenziamento delle strutture produttive della società farmaceutica. 

La notizia è stata riportata dal sito della Camera di Commercio di Savona “SavonaUno”. Ora, con la variante, l’azienda potrà espandersi occupando un’area su cui sarà realizzato un edificio industriale multipiano che consentirà all’azienda di incrementare la superficie coperta di circa 5.000 metri quadrati. Attualmente lo stabilimento si sviluppa su una superficie di circa 19.000 metri quadrati, di cui 10.000 metri quadrati coperti, con una parte riservata alla produzione ed un’altra all’area amministrativa e commerciale per un totale di 96 dipendenti.
 Gli impianti produttivi aziendali si posizionano ai più alti livelli qualitativi presenti sul mercato.

L’accordo di programma originario era stato sottoscritto nel 2001 tra Comune di Albissola Marina, Regione Liguria e ministero delle Infrastrutture e Trasporti, che con quell’atto un programma di riqualificazione urbana (PRU) volto a riorganizzare le aree ex Arcos ed a completare i collegamenti stradali nella zona.

L’area era stata suddivisa in sette comparti, di cui 5 residenziali, uno a destinazione commerciale e turistico-ricettiva e uno su cui si sarebbe dovuto costruire un palazzetto dello sport. Su quest’ultima iniziativa c’è stato un ripensamento del Comune, mentre la Esi ha contattato il soggetto attuatore del PRU (la società Edilmarina di Savona) raggiungendo un pre-accordo per ottenere l’area necessaria all’ampliamento. 

Debora Geido

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore