/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Centralissimo vicinissimo mare in viale Martiri della Liberta` contratto transitorio non residente massimo 18 mesi...

Centrale via Aurelia n.91 a 80 metri mare con parcheggio pubblico a 15 metri contratto 6+6 negozio in ordine 60mq. e...

Centrale via Aurelia n.91 a 80 metri mare con parcheggio pubblico a 15 metri contratto 6+6 negozio in ordine 60mq. e...

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | giovedì 19 gennaio 2017, 14:38

Terremoto nel Centro Italia. Bronda (Vendone): "Mettiamo a disposizione le case vuote del Nord prima agli italiani"

La proposta del consigliere leghista: "Si tratterebbe di creare un sistema di accoglienza diverso dal solito"

Torna a tremare la terra nel Centro Italia e le popolazioni, già messe in ginocchio dai terremoti di questa estate, si trovano a vivere ora una situazione drammatica. Dormire nelle tende, al freddo, sommersi dalla neve e con la paura che un'altro sciame sismico possa arrivare e portarsi via anche quel poco che, ancora era rimasto in piedi è terribile.

Ecco che riparte la solidarietà da tutta Italia ed anche dalla provincia di Savona con iniziative pubbliche e private che si muovono per portare un piccolo grande aiuto a chi sta vivendo quei drammi.

Ancora una volta di fronte alle immagini delle tende e degli accampamenti di chi da un giorno all'altro si è trovato senza casa, si contrappone - almeno per molti - il discorso dell'accoglienza dei migranti. In una sorta di "guerra della disperazione" si pronunciano anche alcuni schieramenti politici e, dall'Albenganese, Andrea Bronda, consigliere di Vendone della Lega Nord, dichiara: "Voglio lanciare un appello sia come Cittadino, sia come Consigliere Comunale di Vendone e sia come leghista volontario da sempre: di fronte alla sempre più grave tragedia del Terremoto del Centro Italia, perché non si crea un sistema di accoglienza diverso dal solito?".

Spiega Bronda: "Nel senso che chi ha case vuote o strutture vuote qui nel Nord Italia sia che si tratti di privati, Società o Comuni o Chiesa possa metterle a disposizione per lo meno temporaneamente per i Terremotati in modo da superare questi mesi invernali."

Continua Bronda facendo riferimento all'accoglienza dei migranti: "Prima la Nostra gente che muore di freddo e fame in questo momento e non i Clandestini che sono una mera speculazione economica."

Conclude: "La mia non e' una provocazione ma un appello serio e responsabile e spero possa avere frutti. Chi potesse potrebbe segnalare a me anche in forma privata la disponibilità e io vedrò di attivarmi verso le Sedi Regionali e di Protezione Civile opportune.

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore