/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 21 gennaio 2017, 15:12

Ad Albenga norme illegittime per il recupero dei sottotetti? La denuncia di Melgrati

Melgrati (Forza Italia, Politica per Passione): "Ho scritto all’assessore Scajola per denunciare questo atto illegittimo dell’amministrazione di Albenga, approvato con una delibera del Consiglio Comunale del 2015, peraltro già sospesa dalla Regione"

Ad Albenga norme illegittime per il recupero dei sottotetti? La denuncia di Melgrati

Marco Melgrati, qui nella sua duplice veste di architetto e di persona politicamente impegnata, segnala questa vicenda: "Accade ad Albenga che per un recupero ai fini abitativi di sottotetti esistenti (senza addirittura alzare il tetto), mero cambio destinazione d'uso ai sensi della legge regionale 24 del 2001, il Comune chiede il reperimento o monetizzazione degli standard in forza della delibera del Consiglio Comunale n. 71/2015. Lo chiedono perchè sono in regime di salvaguardia, avendo approvato una delibera che comunque è stata sospesa dalla Regione Liguria.

Una norma illegittima, che contrasta con il concetto di ristrutturazione, introdotto dalla Legge Regionale sui sottotetti, appunto la 24 del 2001 e le sue successive modificazioni. Infatti proprio questa Legge, all’art. 10 comma f, disciplina gli ampliamenti diversi dalla nuova costruzione (quella si soggetta a standard) come ristrutturazione edilizia, se contenuti nel 20% del volume geometrico esistente. Inoltre il Comune di Albenga non deroga dal regolamento edilizio per fattispecie tipo il disimpegno, che deve essere 1,20; ma la legge parla chiaro: “in deroga allo strumento e regolamento”. Credo che sia allucinante, illegittimo e contra legem che per qualsiasi intervento di ristrutturazione edilizia il Comune di Albenga debba chiedere lo standard, che sia piano casa, legge sottotetti o meri frazionamenti e/o cambi destinazione d'uso; infatti la stessa norma viene applicata anche per l’art. 3 della Legge Reg. 49/09, la Legge detta Piano Casa o per il Cambio d’uso di un magazzino".

Prosegue Melgrati: "Questo vuol dire penalizzare i cittadini, con norme in contrasto con le Leggi Regionali sull’edilizia e Urbanistica, e con le leggi Nazionali. Chiedo con forza un immediato annullamento della delibera di Consiglio Comunale 71/2015, peraltro superata dall’entrata in vigore della recentissima nuova modifica alla Legge Regionale 24/2001, per riportare alla legalità procedure illegittime perpetrate dal Comune di Albenga su interventi definiti dalla Legge Regionale come ristrutturazioni. Ho scritto all’assessore Regionale (la Regione esercita funzione di controllo) per denunciare questa palese illegittimità che il Comune persegue, con grave imbarazzo dei funzionari e dirigenti del settore. Se non bastasse, segnalerò questo abuso d’ufficio alla Procura della Repubblica. Se il comune continuasse in questo atteggiamento persecutorio e illegittimo, teso solamente a “fare cassa”, chi ne subisce e subirà conseguenze sono e saranno solo i cittadini, vessati da una norma che contrasta con le più elementari nozioni dell’Urbanistica e delle Leggi vigenti".

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium