Elezioni comune di Albenga

Elezioni comune di Pietra Ligure

 / Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 21 gennaio 2017, 07:05

Finale Ligure Viva denuncia lo stato di degrado dei ponti romani del Finalese

Il movimento civico si mette a disposizione per partecipare a un adeguato progetto di recupero di questo patrimonio storico e artistico di valore inestimabile

Finale Ligure Viva denuncia lo stato di degrado dei ponti romani del Finalese

Finale Ligure Viva, movimento civico finalese, denuncia la drammatica situazione di degrado in cui versano i favolosi cinque ponti romani della Val Ponci e le vicine Cave romane che si rischia di perdere per sempre. Il territorio finalese è uno scrigno colmo di gioielli storico architettonici e quelli della Val Ponci, valle monumentale, ne fanno meritatamente parte, ma purtroppo sono abbandonati all’incuria.

I gioielli della Val Ponci si collocano in una "valle fossile" ricca di boschi rigogliosi, lecci e frassini principalmente, percorsa da una antica via consolare romana ("Via Iulia Augusta") che collegava la Pianura Padana con la Liguria e le Gallie.

Sul tracciato di questa antica strada si trovano i cinque ponti romani, in pietra del Finale, di cui il Ponte delle Fate è quello meglio conservato, elegante e suggestivo, costituito da grossi conci magistralmente finemente sagomati e squadrati, incastrati fra loro con tecnica architettonica eccezionale.

Alcuni sono meglio conservati, con rampe d’accesso ed archi ben individuabili, altri appena accennati in piccole parti. La lastricatura del selciato stradale romano, oramai sconnessa, è pur sempre ammirevole per tecnica e solidità.

Le tre cave romane, siti da cui si otteneva la pietra necessaria alla costruzione dei ponti, sono vicine tra loro, sovrapposte in una tecnica tanto ingegnosa quanto spettacolare.

Quello che vogliamo denunciare è l’abbandono in cui giacciono queste meraviglie, erbacce, alberi caduti, fronde troppo ingombranti ostacolo il passaggio ai viandanti. Gli spazi tra gli archi e il terreno sono pieni di rami e foglie secche. Sono luogo di passaggio indisturbato dei bikers che ignorandone le origini e l’unicità o noncuranti di tutto ciò li attraversano a gruppi, velocemente, premendo con le ruote contro queste pietre millenarie.

Il selciato romano deve subire le stesse offese diventando cosi’ sempre più sconnesso e rovinato.

Questo percorso potrebbe essere un fiore all’occhiello per Finale, un unicum storico, culturale, architettonico, paesaggistico di cui andare fieri. La segnaletica è inesistente. Restano solo alcuni pannelli arrugginiti senza indicazioni ed altri vecchi appena leggibili. Un oltraggio alla storia, alla bellezza di questo luogo.

Occorrono almeno sei tipi di intervento per il recupero e la valorizzazione di questi beni culturali:

1) Recupero architettonico

2) Pulizia del selciato, estirpazione delle erbacce, rimozione di rami e foglie secche, pulizia dei ritani e sistemazioni con la legna del posto

3) Segnaletica turistica adeguata

4) Controllo del territorio e sistema di sorveglianza per il rispetto del regolamento (bikers e turisti)

5) Manutenzione periodica

6) Promozione del percorso ristrutturato per un turismo di qualità distribuito in tutto l'arco dell'anno

Come già dichiarato in varie occasioni dal Prof. Gabriello Castellazzi, portavoce dei Verdi della provincia di Savona, e in particolare in un suo comunicato stampa del 23 ottobre 2016, il recupero di Val Ponci era reso possibile grazie ad uno  stanziamento regionale di 250 mila Euro (DR 24/11/2006).

Finale Ligure Viva chiede all'amministrazione comunale:

 

Come è stato utilizzato lo stanziamento regionale di 250mila euro

Quali azioni sono state messe in atto per il recupero del circuito sopra esposto o la tempestiva calendarizzazione delle attività necessarie

Come il GAL di recente istituzione potrebbe agevolare queste attività.

 

Il movimento civico di Finale Ligure Viva si mette a disposizione per partecipare al progetto di recupero del fantastico percorso di inestimabile valore che sicuramente contribuirebbe al rilancio economico del Finalese attraverso lo sviluppo di nuove attività turistiche eco-sostenibili.

 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium