/ Solidarietà

Spazio Annunci della tua città

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Imbarcazione in ottimo stato, Coperta e pozzetto in teak-Falchetta e trincarni in mogano verniciato.Verricello...

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Buono stato di conservazione sia estetica che funzionale, colore blu, parcheggiata in garage privato. Documentazione...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Solidarietà | martedì 07 febbraio 2017, 15:43

Foibe, Vaccarezza: "Mattarella il presidente di (quasi) tutti gli italiani"

L'ordinanza impegna il Presidente e la Giunta Regionale ad attivarsi con i mezzi istituzionalmente adeguati per chiedere a tutte le massime cariche dello Stato Italiano di presenziare, in occasione delle celebrazioni del Giorno del ricordo

Il Giorno del ricordo, istituito con la legge 30 marzo 2004 n. 92 e celebrato il 10 febbraio di ogni anno, vuole conservare e rinnovare "la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell' esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale"; evidenziato che, come descritto nel suddetto testo di legge, “nella giornata [...] sono previste iniziative per diffondere la conoscenza dei tragici eventi presso i giovani delle scuole di ogni ordine e grado. È altresì favorita, da parte di istituzioni ed enti, la realizzazione di studi, convegni, incontri e dibattiti in modo da conservare la memoria di quelle vicende. Tali iniziative sono, inoltre, volte a valorizzare il patrimonio culturale, storico, letterario e artistico degli italiani dell'Istria, di Fiume e delle coste dalmate, in particolare ponendo in rilievo il contributo degli stessi, negli anni trascorsi e negli anni presenti, allo sviluppo sociale e culturale del territorio della costa nord-orientale adriatica ed altresì a preservare le tradizioni delle comunità istriano-dalmate residenti nel territorio nazionale e all'estero.”; ritenuto che la storia di questo paese dovrebbe insegnare alle nostre generazioni che l’uguaglianza dinnanzi alla morte causata dalla follia umana non conosce differenze; le grandi tragedie del Novecento ricordano che un genocidio è tale in quanto sacrifica esseri umani, vittime innocenti che meritano di essere considerati uguali per diversi motivi. Le vittime di insensati disegni alimentati dalla vanagloria e dalla sete di potere meritano di essere celebrati, onorati e mai dimenticati; considerato che 

la vicenda delle Foibe è e resta la tragedia di un popolo, il popolo Italiano, che ha pagato con la vita il prezzo del coraggio di restare cittadino della sua Patria, una tragedia che ha provocato morti a decine di migliaia e costretto centinaia di migliaia di italiani a lasciare per sempre le loro terre, sulle quali avevano costruito casa e investito tempo, speranze a futuro.

Impegna il Presidente e la Giunta Regionale ad attivarsi con i mezzi istituzionalmente adeguati per chiedere a tutte le massime cariche dello Stato Italiano di presenziare, in occasione delle celebrazioni del Giorno del ricordo, alla cerimonia che si terrà il 10 febbraio a Trieste presso il monumento nazionale della Foiba di Basovizza, in memoria e in onore delle migliaia di morti innocenti italiani che persero la vita per mano dei partigiani comunisti jugoslavi e delle centinai di migliaia di profughi italiani che furono costretti a fuggire e a lasciare per sempre le loro terre, portando nel cuore l’incancellabile lacerazione per aver lasciato li speranze, sogni, ricordi e tradizioni di una vita.

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore