/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | mercoledì 15 febbraio 2017, 13:15

Danni alluvionali, incontro tra Toti e gli agricoltori per sbloccare i risarcimenti

Dopo le polemiche le associazioni di categoria sono state coinvolte oggi nella ricerca di un percorso importante per dare delle risposte concrete agli agricoltori e alle aziende che hanno subito i danni

È appena terminato l'incontro tra Regione ed in particolare il Presidente Giovanni Toti con gli agricoltori per trovare soluzioni che consentano di sbloccare i risarcimenti per i danni alluvionali.

Dopo le polemiche, i presunti errori nell’invio delle domande di risarcimento, errori sempre smentiti dall’Assessore Stefano Mai supportato dal Presidente Toti, le associazioni di categoria sono state coinvolte oggi nella ricerca di un percorso importante per dare delle risposte concrete agli agricoltori e alle aziende che hanno subito i danni e che a causa di questi rischiano di non riuscire a risollevarsi.

Spiega il Presidente Giovanni Toti: “Riteniamo che la Regione abbia fatto tutto correttamente. Non mi risultano errori da parte della Regione, ma comunque non è questo il punto  il punto è che al momento Regione dipartimento di Protezione Civile e Ministero dell’Agricoltura ha la stima dei danni e le schede compilate dei danni stessi verificate con l’accesso puntuale alle aziende.”

Nessun errore, dunque, secondo il Presidente, ma, a prescindere da questo lo sguardo ora è rivolto alla ricerca di una soluzione “Ci sono tutti i dati per poter eseguire i risarcimenti alle aziende colpite si tratta di trovare un percorso al di là del rimpallo di responsabilità che non serve a nulla affinché le aziende abbiano ciò che gli spetta.

Per questo chiederemo un incontro al Dottor Curcio il capo del dipartimento di Protezione Civile e quindi passando da lui affinché coinvolga gli enti che ritiene più opportuno coinvolgere per individuare un percorso possibile.”

Continua il Presidente “Vorrei capire dal Governo se il tema è trovare un percorso amministrativo e non credo questo possa essere una difficoltà se il tema è l’assenza di risorse perché non sono messe a bilancio che qualcuno finalmente lo dica.”

Conclude: “Le associazioni di Categoria le ho trovate collaborative e convinte che questa sia la strada al netto di qualche residuo polemico .Nei prossimi 20 giorni porteremo avanti il confronto con la Protezione Civile e continueremo a coinvolgere le categorie.”

 

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore