/ Val Bormida

Spazio Annunci della tua città

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

part-time pomeridiano disponibile ponti primaverili e stagione estiva 2018 pescheria friggitoria in Celle Ligure...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Val Bormida | mercoledì 15 febbraio 2017, 17:05

Briano si dimette da Presidente del Distretto Socio-Sanitario: le reazioni dei sindaci valbormidesi

Decisione presa per una non comunanza di vedute con alcuni colleghi amministratori sulla questione riguardante la privatizzazione dell'ospedale "San Giuseppe" di Cairo Montenotte

Come un fulmine a ciel sereno. Questa mattina, Fulvio Briano, sindaco di Cairo Montenotte, si è dimesso da Presidente del Distretto Socio-Sanitario delle Bormide. (vedi articolo )

Una decisione presa anche, secondo quanto comunicato dallo stesso Briano, dopo aver constatato durante la riunione straordinaria della Conferenza dei sindaci del Distretto socio-sanitario, lo scorso 9 febbraio, una non comunanza di vedute con alcuni colleghi amministratori sulla questione riguardante la privatizzazione dell'ospedale "San Giuseppe" di Cairo Montenotte. Un progetto messo in campo dalla Regione Liguria, sulla quale il primo cittadino cairese si è sempre dichiarato contrario fin dalla prima ora. (vedi articolo)

"Sono sinceramente dispiaciuto e un pochino sorpreso - commenta il primo cittadino di Carcare Franco Bologna - Briano ha sempre ricoperto tale ruolo con grande presenza e abnegazione, speriamo, tenuto conto anche del momento particolarmente delicato, che il suo sostituto possa ricoprire la carica di Presidente con lo stesso impegno che ci ha messo lui". 

"Su le decisioni private preferisco non commentare - spiega il sindaco di Cosseria Roberto Molinaro - per quanto riguarda la privatizzazione, se il privato riesce a dare qualche garanzia in più e ridare un vero pronto soccorso, mi sembra giusto esplorare tale progetto.  Cosi come è adesso, il presidio è destinato alla chiusura - continua - La crisi dell'ospedale è correlata alla recessione economica della Val Bormida, un territorio sulla quale va effettuata assolutamente un'indagine sulla incidenza del cancro fra i residenti. Solo attraverso un rilancio di tutti i settori, la valle potrà ambire ad un maggiore peso politico/economico". 

"Sono profondamente rammaricato per questa decisione - commenta il sindaco di Millesimo Pietro Pizzorno - nel corso degli anni, ha sempre ricoperto tale ruolo nel miglior modo possibile". 

"Si è trovato a gestire una situazione alquanto complicata senza avere armi efficaci - commenta il primo cittadino di Roccavignale Amedeo Fracchia - con queste dimissioni, l'attenzione sarà ulteriormente focalizzata sulla delicata situazione riguardante l'ospedale di Cairo e sui servizi socio sanitari del distretto".

"Condivido appieno la sua presa di posizione, non tanto per le dimissione in se, ma per quanto riguarda le sue preoccupazioni riguardanti il futuro dell'ospedale - commenta il sindaco di Altare Davide Berruti - da parte mia e di tutta l'amministrazione di Altare, il massimo sostegno verso una battaglia che dovrebbe vedere uniti tutti i Comuni della Val Bormida".

Graziano De Valle

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore