/ Attualità

Affari & Annunci

vendita box in Savona, Corso Vittorio Veneto zona Clinica Riviera, prezzo trattabile

cucina REX in acciaio quasi nuova con coperchio in vetro e forno

Bellissimo bongalow con roulotte con ogni confort in campeggio con piscina e spiaggia privata vendo per scarso utilizzo

Che tempo fa

24 Ore

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Attualità | venerdì 17 febbraio 2017, 09:15

Imprese: saldi positivi per giovani e stranieri, in calo le donne

Lo studio è stato realizzato da Unioncamere Liguria

Nel 2016 il saldo tra iscrizioni e cessazioni di imprese giovanili e straniere risulta positivo anche se in calo rispetto al 2015 (rispettivamente +1.395 e +577 unità), mentre per le imprese femminili resta di segno negativo (-270 unità). Lo studio è stato realizzato da Unioncamere Liguria. 

Nel panorama nazionale, la Liguria resta salda al 2° posto per tasso di imprenditorialità straniera (12,2%, quasi 3 punti percentuali sopra la media italiana), subito dopo la Toscana; mantiene il 15° posto per quanto riguarda le imprese “rosa”(22,1%, di poco superiore al valore nazionale) e per le imprese giovanili (8,6% contro il 10% registrato in Italia).

Il settore più gettonato dai giovani resta il commercio, seppur in calo del 2,4% rispetto al 2015, seguito dalle costruzioni, che perdono il 7,5% delle imprese, e da ristoranti e bar (-2,9%). L’imprenditoria femminile si concentra principalmente nelle attività commerciali (in lieve flessione, -1,6%), nei servizi di alloggio e ristorazione (+1,8%) e nelle altre attività di servizi (+0,5%). Sono le costruzioni, infine, il settore prevalentemente scelto dagli stranieri per avviare un’attività (+0,9% rispetto al 2015), e che rappresentano il 39% del totale delle imprese straniere, seguite dal commercio (+3,5%) e dalle attività turistiche (+5,7%). Tra le persone registrate la nazionalità più numerosa resta quella albanese (il 14,3% degli stranieri), seguita da quella marocchina (12,9%).

Gli addetti delle imprese giovanili, riferiti al 3° trimestre 2016, ammontano a 22.328 unità e rapprese.

In aumento gli addetti delle imprese femminili, pari allo 0,7%: ammontano a 76.090 unità e rappresentano il 17,2% del totale degli addetti. Le imprese straniere sono le uniche che, nell’arco di tempo considerato, hanno visto sempre crescere in maniera costante il numero di addetti: tra il 2015 e il 2016 sono cresciuti del 3,8% raggiungendo quota 28.543 (il 6,4% del totale degli addetti).

In provincia di Savona saldi positivi per le imprese giovanili e straniere, rispettivamente +256 e +32 unità: anche in questa provincia le imprese “rosa” hanno accusato una lieve flessione (-63 unità). L’incidenza % delle imprese giovanili sul totale delle imprese si è leggermente ridimensionata nel corso del periodo considerato (da 10,2% nel 2011 a 9,1% nel 2016), così come per le imprese femminili (da 26,7% a 24,7%), mentre per le imprese straniere ha superato il 10,3%. L’Albania è il paese estero di origine più presente sul territorio (il 29,5% del totale degli stranieri), quasi interamente occupato nel settore edile (86,6%).

Anche in provincia di Savona gli imprenditori stranieri si concentrano nel settore edile (il 48,8%), segue il commercio (24,2%); stesse scelte per le imprese giovanili (rispettivamente 27,2% e 22%) mentre le imprese femminili si concentrano nelle attività commerciali (27,5%) e in quelle turistiche ( 17,4%).

Gli addetti nelle imprese giovanili in provincia di Savona, tra il 2011 e il 2016, sono costantemente diminuiti: in tutto il periodo si registra una perdita di 1.657 unità. Per le imprese femminili il calo è stato più marcato, più di 2mila e 500 unità; solamente le imprese straniere hanno registrato un costante aumento, a parte una pausa nel 2013: si è passati da 4.075 nel 2011 a 4.589 nel 2016, 514 addetti in più.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore