/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | martedì 14 marzo 2017, 12:10

Ricatto hard: don Chizzolini finisce sul "Times"

Il quotidiano londinese pubblica un articolo sul parroco di Verzi, ascoltato il Procura per un ricatto a luci rosse. Il sacerdote viene definito "vittima di un ricatto per una relazione con un migrante".

Ricatto hard: don Chizzolini finisce sul "Times"

Il caso di padre Angelo Chizzolini, dalla piccola comunità di Verzi, è approdato fino al “Times”. Il noto quotidiano londinese ha dedicato un articolo al sacerdote lombardo che è recentemente passato all'entroterra loanese, dopo aver esercitato il proprio ministero a Onzo ed Arnasco. "The Times" titola "Prete anti-migranti ricattato", scrivendo che "padre Chizzolini sarebbe stato filmato mentre faceva sesso con un uomo dello Sri Lanka da un parrocchiano che ha chiesto mille euro". 

L’articolo fa riferimento a un episodio emerso il 22 febbraio, quando la Procura della Repubblica di Savona ha disposto il sequestro del computer e dei vari supporti digitali della persona accusata di estorsione, abitante nell'entroterra ingauno, mentre padre Chizzolini veniva ascoltato per chiarimenti dal sostituto procuratore della repubblica Giovanni Battista Ferro. Il sacerdote era stato ascoltato per spiegare la vicenda "a sfondo sessuale" che lo avrebbe visto al centro di un ricatto: l'autore di filmati e foto di incontri a luci rosse, con la presenza di un cittadino cingalese, avrebbe preteso mille euro per non divulgare il materiale "scottante". 

Don Chizzolini, quando era parroco di Onzo, era finito nell'occhio di cronache e polemiche per aver negato la benedizione alla salma di Aisha, donna musulmana perita nella tragica esplosione di una palazzina ad Arnasco dovuta a una fuga di gas. Già sei mesi fa il "Times" si era occupato del sacerdote attivo nel Savonese. Questa volta il quotidiano si è focalizzato sulla notizia a tinte hard. La testata britannica conclude così l'articolo: "Una fonte nell'ufficio vescovile locale dice: 'Ci troviamo di fronte ad attività che costituiscono più un peccato che un crimine'".

Cdm

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore