/ Sanità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Sanità | mercoledì 22 marzo 2017, 14:45

Introduzione del "pasto domestico" a scuola: Pastorino presenta un’interrogazione in Consiglio Regionale

Per la giunta ha risposto l'assessore Viale: "Spetta al dirigente scolastico concedere o meno la possibilità di consumare il pasto confezionato a casa nella scuola"

Introduzione del "pasto domestico" a scuola: Pastorino presenta un’interrogazione in Consiglio Regionale

Introduzione del “pasto domestico” a scuola. Durante il Consiglio Regionale di ieri, Gianni Pastorino (Rete a Sinistra) ha presentato un’interrogazione in cui ha chiesto alla giunta di rivedere le “Indicazioni per il pasto portato da casa” , emanate dalla Regione nel novembre scorso,  e di prevedere operatori esterni incaricati dalle ASL. Il documento regionale – ha spiegato il consigliere – fornisce indicazioni per prevenire problematiche igienico-sanitarie legate all’introduzione del pasto domestico a scuola, tuttavia queste indicazioni «attenuano le prescrizioni, a suo tempo elaborate dal Comune, relative al divieto di introdurre nei locali adibiti a refettorio alimenti e bevande diversi da quelli forniti dalle aziende del servizio ristorazione e, appellandosi all’autonomia scolastica, il documento affida alla dirigenza scolastica le decisioni sul tema assegnando all’istituto oneri e responsabilità impropri, equiparabili a quelli attribuiti all’ente locale, che appalta i servizi di ristorazione, e alla ditta di ristorazione che gestisce il servizio mensa».

Per la giunta ha risposto l’assessore alla sanità Sonia Viale. Viale ha confermato che spetta al dirigente scolastico concedere o meno la possibilità di consumare il pasto confezionato a casa nella scuola.  «Le asl – ha aggiunto – hanno sostenuto una funzione di coordinamento» fra le diverse figure coinvolte e «promosso indicazioni di ausilio e di riferimento sui controlli da effettuare», rivolgendosi non solo alle direzioni scolastiche ma anche ai genitori attraverso una specifica nota. L’assessore ha precisato che la responsabilità della qualità igienico-sanitaria della verifica del valore nutritivo dei pasti domestici è anche da attribuire ai genitori mentre i dirigenti scolastici devono fornire adeguate indicazioni alle famiglie. 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore