/ Sport

Spazio Annunci della tua città

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Sport | mercoledì 22 marzo 2017, 15:11

Kubica, la rinascita da mancino dopo il terribile incidente di Andora: correrà la 24 Ore di Le Mans

Sei anni fa Kubica rischiò la vita durante il rally andorese. Il recupero e le gare di rally, ma la F1 resta un'incognita. E' pronto a correre nella 24 Ore di Le Mans con una LMP1 non ibrida.

Non smette di misurarsi con le grandi sfide Robert Kubica, il pilota polacco che nel febbraio del 2011 rimase coinvolto in un tremendo schianto alle Ronde della Val Merula di Andora. Dopo un lungo percorso di riabilitazione e recupero degli arti, cominciato proprio nel Savonese, sotto le cure dell'ospedale Santa Corona, il corridore è pronto a rimettersi sulle piste che contano: correrà la 24 Ore di Le Mans con il team ByKolles.

Sei anni fa Kubica rischiò la vita durante il rally andorese, quando perdendo il controllo della sua Skodà finì contro un guard-rail che penetrò come una lama nell'abitacolo, ferendolo gravemente. La corsa in ospedale e poi un laborioso percorso di terapie ed esercizi al nosocomio di Pietra Ligure, per ripristinare la funzionalità della mano destra e del braccio. Capacità che il pilota di Cracovia ha ritrovato solo parzialmente. Nel frattempo, però, forza di volontà e allenamento lo hanno praticamente reso mancino.

"Non riesco a ruotare l’avambraccio, per guidare devo muovere la spalla, la mia forza sta lì. E serve uno spazio che un abitacolo di F1 non ha. Mi dispiace dirlo a lei e dirlo a me stesso, ma per ora è così. Non ci penso. Vedremo", sottolinea Kubica in un'intervista curata da Giorgio Terruzzi per il Corriere della Sera. Ancora nebuloso il l'avvenire in Formula 1, quindi, del quale il polacco preferisce non parlare. Nell'intervista, però, esprime le sue considerazioni su piloti e stato attuale della massima categoria.

Con grande forza d'animo e talento, in questi anni Kubica ha continuato a gareggiare nei rally. "Ero abituato a correre per un team, adesso corro per me stesso, talvolta contro me stesso - commenta - La verità è che sto ricominciando a conoscermi. Sento di essere uscito da un lungo tunnel". Non mancheranno certo le soddisfazioni: l'endurance gode di ottima salute; il campo partenti della 24 Ore di Le Mans è ricco, con 16 nazionalità da quattro continenti.     

Cdm

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore