/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 28 marzo 2017, 07:47

Incidente sulla A10, ATA PC Savona: "Stop al rischio di camion in autostrada"

Spiega il presidente Castelli: "Mezzi pesanti via mare e declassamento a superstrada con velox e limite di velocità di 90 km/h"

Incidente sulla A10, ATA PC Savona: "Stop al rischio di camion in autostrada"

"L'autostrada Genova-Ventimiglia da anni palesa la sua inadeguatezza rispetto agli attuali volumi di traffico. Ogni weekend si formano code interminabili che danneggiano il turismo (spingendo molti a scegliere mete alternative) e l'ambiente, con emissione di enormi quantità di gas di scarico. A questi problemi si sta aggiungendo un numero sempre crescente di incidenti gravi, con un costo drammatico in vite umane". Lo dice in una nota il Presidente Marco Castelli di ATA PC Savona.

"Se è palese che il tracciato autostradale soffra di problemi strutturali (corsie strette, mancanza corsia d'emergenza, curve, ecc), è evidente come tali problemi siano esasperati dalla presenza spropositata di camion. E' sufficiente percorrere pochi km per trovarsi costretti a sorpassare colonne di 10/15 camion, o dover schivare tir che rallentano improvvisamente, frenati in salita da carichi pesantissimi, o ancora venir pressati da autotreni lanciati a velocità pericolosa, magari per rispettare tempi di consegna assurdi". 

"Più volte si è ipotizzato di realizzare nuovi tronchi autostradali, come la Carcare Predosa o la Albenga Ceva. Siamo contrari a questa ipotesi, per molte ragioni. Innanzitutto, non si eliminerebbe il problema ma lo si sposterebbe soltanto, lasciando peraltro congestionato il tratto da Ventimiglia ad Albenga o Savona. Poi si causerebbe la distruzione di aree naturali incontaminate e di grandissimo valore (anche turistico) come l'alta Valle Bormida o le Valli di Albenga, devastandole con cemento e traffico. Infine, la carenza di risorse economiche rende tali ipotesi difficili da realizzare". 

"Riteniamo quindi che la soluzione sia convertire il trasporto merci a lunga percorrenza da gomma a nave, sfruttando di più e meglio le "autostrade del mare". La maggior parte dei camion che oggi intasano la A10 proviene da Spagna e Portogallo, e percorre quindi distanze enormi lungo Paesi che si affacciano sul Mediterraneo e dotati di ottimi porti. Ostinarsi a movimentare queste merci su camion significa perseverare in un atteggiamento ottuso, che provoca enorme spreco di carburante, ingentissime emissioni di gas serra (che invece dobbiamo assolutamente ridurre, se non si vuole oltrepassare il "punto di non ritorno" per il Pianeta), inquinamento atmosferico dei centri costieri, congestione del traffico e, come si è visto, morti e feriti".

"Considerato poi che la A10 non sembra rispondere in pieno ai requisiti di sicurezza, proponiamo di declassarla a superstrada, assoggettarla al limite di velocità di 90 km/h e installare velox e tutor affinché vengano rispettati. Siamo consapevoli del fatto che queste scelte richiedono coraggio politico : ci si scontra con interessi economici e di categoria enormi (dagli autotrasportatori alle case automobilistiche produttrici di camion, alla stessa società concessionaria dell'autostrada). Ma crediamo che Regione e Governo debbano fare qualcosa di più che limitarsi a esprimere sentite condoglianze quando si verificano incidenti con vittime. Il traffico pesante ormai è insostenibile e fuori controllo: o lo fermiamo ora, o prima o poi attendiamoci una tragedia di vaste proporzioni (cosa accadrebbe se un camion centrasse un pullman turistico?)"conclude ATA PC Savona.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium