/ Agricoltura

Spazio Annunci della tua città

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Imbarcazione in ottimo stato, Coperta e pozzetto in teak-Falchetta e trincarni in mogano verniciato.Verricello...

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Buono stato di conservazione sia estetica che funzionale, colore blu, parcheggiata in garage privato. Documentazione...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Agricoltura | venerdì 21 aprile 2017, 16:45

"Donne in campo" a Fior d'Albenga

Le aziende associate CIA che aderiscono al programma "La spesa in campagna" promuoveranno le eccellenze del territorio

Le aziende di vendita diretta associate CIA aderenti a La Spesa in Campagna  partecipano  a Fior d'Albenga, la manifestazione dedicata alle eccellenze del territorio dislocata nel centro storico ingauno, per far conoscere le produzioni floricole ed enogastronomiche locali ai numerosi turisti che in questo periodo invadono la cittadina rivierasca.

Sabato 22 e domenica 23 aprile, nel cuore cittadino, numerose aziende agricole daranno vita ad un mercatino dei prodotti locali, mentre domenica 23, nello spazio espositivo della CIA sarà allestito uno stand promozionale con degustazione di torte di verdure (pasqualine) accostate a vini D.o.C. della Riviera Ligure di Ponente, curato da Donne in Campo, l’associazione per l’imprenditoria femminile associata CIA.

“La delegazione di agricoltrici e funzionarie di Donne in Campo, capitanata da Giuseppina Corso di Ceriale e Olivia Stefanutti di Finale Ligure, sensibilizzerà i visitatori di Fior d’Albenga sulle azioni solidali svolte da Cia Savona e Cia Liguria che hanno consentito di fornire 2 moduli abitativi ad aziende agricole del centro Italia danneggiate dal terremoto nel 2016 e una raccolta fondi in ambiente Cia che ha superato i 16 mila euro già spesi a buon fine – dichiara il presidente di CIA Savona Mirco Mastroianni -. Un risultato molto importante se consideriamo le difficoltà incontrate anche dagli enti pubblici a fornire risposte tempestive all’emergenza abitativa in quei territori. L’abbandono della residenza di agricoltori nelle zone interne significa infatti il rischio di abbandono dell’attività agricola e del territorio con conseguenze negative sull’ambiente oltre che per l’economia  della zona”.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore