/ Curiosità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Curiosità | sabato 22 aprile 2017, 15:00

Turisti e residenti incantati dalla “danza delle api” nel cielo di Finalborgo (FOTO)

Gli animali sono fuggiti da qualche apiario delle vicinanze inseguendo la propria regina, ma sono innocui

Turisti e residenti incantati dalla “danza delle api” nel cielo di Finalborgo (FOTO)

Un fenomeno particolare e suggestivo: e tutta Finalborgo rimane incantata ad osservare la “danza delle api” nel centro cittadino. L’evento si è ripetuto un paio di volte nell’arco di breve tempo: due sciami in una settimana si sono riversati in piazza San Biagio a Finalborgo. Secondo quello che ci hanno raccontato, con un pizzico di emozione, gli osservatori che si trovavano in piazza, sono api “bravissime”, assolutamente innocue, che non disturbano e non pungono. Si tratta di un rituale legato alla regina: ogni tanto lei “scappa” e le sue “ancelle” la seguono in massa, posizionandosi in volo e sulle piante come per farle da scorta.

Ma è sufficiente che l’apicultore esperto arrivi e rimetta la regina nell’arnia e tutto lo sciame rientra nei ranghi, venendo così facilmente recuperato. Anche perché, in caso di perdita di una regina con tutte le sue operaie, per chi opera nel settore apiario può essere un danno economico non di poco conto. Una famiglia da 50-60mila api può produrre in media dai 10 ai 20 kg annui, ma nei nostri comprensori sono già numeri eccezionali, in Liguria non ci sono certo le superfici di fioritura che ci sono in Piemonte.

Commentano alcuni apicultori della zona: “Siamo in tanti a Finale Ligure ad avere le api. Presumibilmente dovrebbero aver volato per non più di 500 metri dal Borgo. Comunque si tratta di un fenomeno abbastanza raro, è difficile che scappino, magari si è trattato di una svista legata a qualche arnia trascurata. Una volta, alcuni anni fa, erano arrivate a coprire quasi una parete della chiesa in piazza S. Biagio. Comunque vederle sciamare è uno spettacolo bellissimo e se si usano le dovute cautele, non disturbando gli insetti, non è pericoloso”.

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore