/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

part-time pomeridiano disponibile ponti primaverili e stagione estiva 2018 pescheria friggitoria in Celle Ligure...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | martedì 23 maggio 2017, 15:40

Sgombero ex Moi a Torino: profughi in arrivo anche in Liguria

Il futuro prevede l'inserimento di 45 persone (tramite agenzie) all'interno di cantieri navali di tre diverse regioni, tra cui alcuni liguri

Sono 110 le persone identificate tramite mappatura volontaria residenti all'interno dell'ex Moi, su più di mille occupanti. È questo uno dei dati illustrati Antonio Maspoli, project manager di Compagnia di San Paolo, alla conferenza dei capigruppo.

Un primo passo verso il censimento, che verrà fatto nelle prossime settimane, finalizzato allo sgombero delle ex palazzine olimpiche di Torino occupate nel 2013 da un gruppo di profughi, richiedenti asilo, immigrati.

Quattro gli assi su cui si sta operando, dedicati al lavoro e alla questione abitativa, per chi ne ha i requisiti. Il primo prevede l'inserimento di 45 persone, tramite agenzie di somministrazione, fuori dal Piemonte, all'interno di cantieri navali in Liguria, Friuli e Veneto.

Il secondo prevede possibilità lavorative tramite progetti di accompagnamento, il terzo occupazione tramite garanzia giovani e il quarto progetti di pubblica utilità. Nel corso degli accertamenti di queste settimane sono state individuate 41 persone che lavorano, ed in alcuni casi vivono, all'interno di scantinati.

Cinzia Gatti (TorinOggi)

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore