/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Libera su 3 lati: camera, sala, bagno, cucina con uscita in giardino. Terreno 13.000 mt bosco castagni e frutteto....

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | sabato 27 maggio 2017, 09:56

Papa Francesco si emoziona all'Ilva: "Essere qui mi ricorda mio padre"

Poi il pontefice sul tema del lavoro: "E' una priorità"

Foto Daniele Alberti

“Il mondo del lavoro è una priorità umana, una nostra priorità”: Papa Francesco si è rivolto così ai lavoratori dell’Ilva di Cornigliano che lo hanno accolto con applausi e cori. Il Pontefice, è stato acclamato a gran voce dai dipendenti dello stabilimento genovese presenti nel capannone dalle prime luci dell’alba. Il Pontefice ha ricordato poi che “essere vicino al Porto gli ha ricordato da dove è uscito suo papà”. 

Occupazione - Papa Francesco in occasione dell’incontro con il mondo del lavoro ha voluto parlare del buon imprenditore e della differenza con lo speculatore: “Il vero imprenditore conosce i lavoratori, perché è in mezzo a loro e li conosce. Se lui non ha questa esperienza non sarà una buona guida. Inoltre condivide gioie e fatiche del lavoro. Nessun imprenditore ama licenziare la sua gente, chi pensa di risolvere i problemi usando questa soluzione è un commerciante. Una malattia dell’economia- ha proseguito Papa Francesco – è la trasformazione dell’imprenditore in speculatore”.

Economia - “Dobbiamo temere gli speculatori, non gli imprenditori perché tanti sono bravi. Quando l’economia perde il contatto con i volti delle persone siamo di fronte ad un’economia senza volto. Oggi ci sono tanti imprenditori onesti che portano avanti l’azienda e questi sono i più svantaggiati dalle che favoriscono i profittatori ai danni degli onesti”. 

Gioie e dolori - Papa Francesco ha poi aggiunto davanti ai lavoratori Ilva: “L’obiettivo da raggiungere non è il reddito per tutti ma il lavoro per tutti. Senza lavoro si può sopravvivere ma per vivere occorre lavorare. Molti valori dell’impresa non collegati con la dimensione umana e la meritocrazia – ha proseguito il Papa – se viene strumentalizzata non è un valore. Chi resta senza lavoro sente di perdere pure la dignità e ne risente pure la famiglia”. Prima di salutare i lavoratori Papa Francesco ha recitato una preghiera e ha impartito la benedizione.

La fotogallery è visibile su Genovapost

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore