/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | mercoledì 14 giugno 2017, 09:50

Servizio di vigilanza sulle spiagge, "PerFinale" attacca: "In Comune non esiste alcun atto amministrativo sull'argomento"

"I bagni marini rischiano di pagarsi per intero la somma in questione nonostante le dichiarazioni dell'assessore Guzzi"

"Il sostegno alla vigilanza delle spiagge è un bluff: infatti in Comune non è stata individuata la copertura di spesa per la vigilanza. In altre parole o è un debito fuori bilancio o è una promessa campata in aria e i bagni marini dovranno pagarsi l'intera cifra di 18.000 euro" attacca la lista civica "PerFinale". 

"Un ente pubblico come il comune agisce attraverso gli atti amministrativi. Sulla vigilanza attualmente non esiste alcun atto: nè l'individuazione del capitolo di spesa con cui finanziare l'impegno, nè una delibera di giunta che dichiari l'intento dell'amministrazione. Nemmeno la richiesta di due capitolati di spesa, fortemente consigliata dall' ANAC per applati sotto i 40.000 euro". 

Continua: "Nulla. Nonostante l'assessore Guzzi abbia dichiarato che che hanno deciso già da due mesi, sull'argomento non è stato fatto alcun atto concreto: solo chiacchere da bar. L'amministrazione Frascherelli dimostra, ancora una volta,  la propria superficialità rilasciando dichiarazioni che non corrispondono ad azioni reali. Inoltre questa vicenda è stata mal gestita non solo nel metodo ma anche nel merito. La vigilanza privata non avrà "potere di allontanare i venditori abusivi nè tantomeno identificare o sequestrare la merce" come correttamente dichiarato nella proposta di contratto della ditta che effettua la sorveglianza.  Il servizio sarà svolto dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17. Sei ora al giorno in orari prestabiliti che permetteranno facilmente di eludere i controlli". 

"Crediamo che la sicurezza debba essere gestita dalla forze dell'ordine, che hanno le competenze e l'autorità per applicare la legge. Le forze dell'ordine che possono risalire la catena della contraffazione punendo gli sfruttatori e che saprebbero applicare la legge con il giusto equilibrio senza limitarsi all'intimidazione nei confronti dei più deboli". 

"Il Comune avrebbe dovuto agire più saggiamente: investendo  i 18.000 del servizio  in questione  assumendo due vigili stagionali dedicati alla lotta all'abusivismo che potevano lavorare in coordinamento con le forze dell'ordine esercitando un'azione ben più incisiva e completa.  Non una azione intimidatoria, basata sull'uso di una divisa e il possesso di un'arma ma una reale azione di pubblica sicurezza" conclude la lista civica "PerFinale". 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore