/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Auto tenuta sempre in garage, ottime condizioni. Grigio Metallizzata, interni in pelle nera, sedili riscaldabili,...

Centralissimo vicinissimo mare in viale Martiri della Liberta` contratto 4+4 residente arredato 11 vani 177mq....

Centrale via Aurelia n.91 a 80 metri mare con parcheggio pubblico a 15 metri contratto 6+6 negozio in ordine 60mq. e...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | sabato 15 luglio 2017, 18:00

Le Foibe da studiare a scuola, minoranze consigliari all'attacco

"Non rientra nelle pur numerose competenze del Primo Cittadino, ma perché la Scuola Savonese è sempre stata particolarmente attenta ai valori della memoria storica e, soprattutto dalle date istitutive del Giorno del Ricordo e della Giornata della Memoria, ha contribuito attivamente alla preparazione degli studenti anche su quei temi dolorosi."

"Il sindaco Caprioglio ha scritto all'Ufficio scolastico provinciale per sollecitare i presidi a dedicare maggiore attenzione alle Foibe nei programmi, giudicando inadeguate le iniziative fatte in questi anni e suggerendo addirittura gemellaggi con le zone di Istria e Dalmazia. Il tutto in aggiunta all'eventuale intitolazione di una via o una piazza di Savona alla Giornata del Ricordo, come da scelta di maggioranza del Consiglio Comunale" spiega per contestualizzare la questione Fabrizio Ferraro Segretario provinciale PRC Savona. 

"Purtroppo questa solerzia nell'avvicinare le giovani generazioni al ricordo è stata condivisa da un ponte della memoria che unisce maggioranza e minoranza con il solo voto contrario del consigliere di Rete a Sinistra, Marco Ravera." continua
"Ci chiediamo se nell'esortazione del Sindaco (che peraltro non ha competenze, né poteri sui programmi scolastici) ci sia la voglia di raccontare tutta la Storia, e non solo una parte di essa. Gli episodi storici vanno contestualizzati, va narrata la pulizia etnica che i fascisti fecero nelle stesse zone verso le popolazioni slave per due lunghi decenni. Solo così si possono capire le cause che hanno portato alla tragedia delle Foibe". 

"Vorremmo fare un'altra considerazione, tralasciando la Storia e concentrandoci sulla vita di tutti i giorni. Savona sta attraversando un momento molto delicato, i tagli al sociale sono stati tanti e duri, la speculazione edilizia avanza da levante a ponente, interi quartieri rischiano di essere abbandonati a loro stessi e manca una visione d'insieme per il futuro della città" aggiunge Ferrari. 

"Non sarebbe meglio che il Sindaco si concentrasse, con i suoi reali poteri, su quanto di sua competenza per il bene della città, senza regalare Savona agli speculatori e dando risposte ai disagi delle persone? L'interesse pubblico è sicuramente più importante rispetto all'inseguire i progetti del discutibilissimo ex sindaco di Roma Alemanno" conclude. 

Sul tema anche  Daniela Pongiglione consigliere di minoranza del comune di Savona "È perlomeno singolare l'invito rivolto dal sindaco Caprioglio alle Scuole savonesi perché inseriscano nei programmi anche lo studio delle Foibe.
Non solo perché non rientra nelle pur numerose competenze del Primo Cittadino, ma perché la Scuola Savonese è sempre stata particolarmente attenta ai valori della memoria storica e, soprattutto dalle date istitutive del Giorno del Ricordo e della Giornata della Memoria, ha contribuito attivamente alla preparazione degli studenti anche su quei temi dolorosi. E non possiamo sinceramente condividere l'invito a rifarsi alla Giunta Alemanno, che anziché essere presa ad esempio, dovrebbe (questa sì) essere oggetto di una damnatio memoriae". 

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore