/ Economia

Spazio Annunci della tua città

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Economia | domenica 23 luglio 2017, 08:30

Quale futuro per Piaggio Aerospace? Vertici e sindacati si incontrano all’Unione Industriali di Savona

Riunione programmata per il primo pomeriggio di domani: si tratta del primo confronto delle RSU con il nuovo amministratore delegato

Si terrà domani, lunedì 24 luglio, alle ore 15 presso l’Unione Industriali di Savona, un incontro tra la dirigenza di Piaggio Aerospace e le Rappresentanze Sindacali Unitarie (RSU), con lo scopo di far luce sui programmi e sul futuro dell’azienda.

Commenta Andrea Mandraccia, segretario generale FIOM-CGIL: “Si tratta del primo incontro dopo alcuni mesi senza confronti con la dirigenza, la quale evidentemente adesso è in grado di incontrarci e di darci delle risposte.

Le domande sono già note: vogliamo essere messi al corrente sul nuovo piano industriale, che comprende esuberi e lo scorporo di alcune attività, inoltre presenteremo ancora una volta richiesta di un confronto in una sede istituzionale, come Palazzo Chigi. Chiediamo inoltre che l’azienda ci aggiorni su quanto fatto in quest’ultimo anno, dal momento che per le rappresentazione sindacali questo è il primo incontro con il nuovo amministratore delegato, nominato ad agosto del 2016. In particolare vorremmo sapere a che punto sono i programmi di sviluppo del settore militare, dal momento che siamo stati lieti di sapere che il drone ha ripreso l’attività di volo, mentre il civile attualmente sembra in una situazione di stallo.

Vogliamo, infine, conoscere lo stato dell’arte degli accordi con banche e Finmeccanica per la ristrutturazione del debito. Come sindacati intendiamo ripartire da quanto siglato negli accordi di tre anni fa, che garantivano la piena occupazione e il mantenimento di tutte le attività, a parte quelle già esternalizzate presso LAER”.

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore