/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | giovedì 10 agosto 2017, 18:30

Progetto Sprar a Celle, il sindaco Zunino: "Si tratta di un'esigenza importante, le polemiche non servono"

"Siamo in sintonia con il Comune di Savona per questo ottimo progetto di accoglienza"

Da qualche mese si sta parlando di un nuovo Sprar (sistema Protezione richiedenti asilo) che ospiterà minori stranieri non accompagnati, circa una trentina, in tre strutture.

Un progetto di cui si parla da molto tempo, è stato ufficializzato da una determina dirigenziale, avviando così una gara per la ricerca di partner per il Comune di Savona che gestiranno in futuro questi centro accoglienza ma le polemiche all'interno della Lega Nord non sono tardate a arrivare.

Il sindaco di Celle Renato Zunino ha voluto precisare facendo alcune considerazioni sulla questione: "Ho letto sui giornali questa mattina notizie relative al progetto Sprar per minori stranieri e voglio fare alcune precisazioni: i minori stranieri non accompagnati, già ora, se sono presenti sui territori obbligatoriamente sono a carico delle Amministrazioni Comunali sino al raggiungimento della maggiore età".

"Tre Comuni (Savona, Celle e Varazze) sono stati colpiti da questo fenomeno e hanno dovuto investire notevoli risorse comunali per fare fronte agli impegni; la realizzazione dello Sprar per minori stranieri non accompagnati è stata deliberata alla unanimità dal distretto."

"E' una esigenza importante in quanto tramite il finanziamento pubblico è possibile ridurre i costi per i Comuni - prosegue il primo cittadino cellese - e controllare anche nell'interesse dei minori il loro trattamento e i loro percorsi formativi."

"Il Comune di Savona capofila del distretto ha positivamente svolto la sua parte e ho trovato una adesione e comprensione del problema in modo particolare dal Sindaco di Savona - conclude Zunino, vicino all'amministrazione savonese - insieme abbiamo lavorato anche per intervenire per quanto si poteva in un fenomeno già presente sul territorio. Francamente non capisco le polemiche."

Il Bando per il progetto è stato pubblicato e durerà per il biennio 2018-2020, i partner che parteciperanno e vinceranno la gara potranno quindi ottenere un finanziamento del Ministero degli Interni che cuba una bella cifra, 2.7 milioni circa di euro, ossia 82.77 euro a bambino a cui il soggetto attuatore dovrà contribuire con il 5% del finanziamento del Governo.

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore