/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Centralissimo vicinissimo mare in viale Martiri della Liberta` contratto transitorio non residente massimo 18 mesi...

Centrale via Aurelia n.91 a 80 metri mare con parcheggio pubblico a 15 metri contratto 6+6 negozio in ordine 60mq. e...

Centrale via Aurelia n.91 a 80 metri mare con parcheggio pubblico a 15 metri contratto 6+6 negozio in ordine 60mq. e...

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | sabato 12 agosto 2017, 10:00

Finale Ligure, Marinella Geremia: "Le ordinanze anti-alcoolici sono troppo restrittive. Vanno ripensate"

Dichiara la capogruppo di Finale Sempre: "Non è pensabile comprare una pizza d'asporto senza poterla accompagnare da una birra o fare la spesa al supermercato e alle 20:00 sentire l'altoparlante che ti impone di posare una bottiglia di vino solo perché sono le 20:05. Mancano solo le sirene del coprifuoco"

ll capogruppo della lista "Finale Sempre", Marinella Geremia, interviene sull'ordinanza del Sindaco di Finale Ligure che vieta la vendita di alcool a negozi e supermercati dopo le ore 20:00 con una proposta: "Non sono queste le modalità per evitare che i ragazzi facciano abuso di alcool e che si abbandonino bottiglie sulla spiaggia; l'orario delle 20:00 è troppo restrittivo, è l'ora di cena, le persone comprano alcolici per cenare: non è pensabile comprare una pizza d'asporto senza poterla accompagnare da una birra o fare la spesa al supermercato e alle 20:00 sentire l'altoparlante che ti impone di posare una bottiglia di vino che magari accompagnava la tua cena a base di pesce perché sono le 20:05. Mancano solo le sirene del coprifuoco".

Conclude Marinella Geremia: "Perlomeno se questo deve essere un deterrente per la vendita di alcolici ai giovani o balordi spostiamo l'ora alle 22:00. Dopo quell'ora chi vuole bere può tranquillamente accomodarsi in un bar e in questo modo non si limita la libertà personale. Questa ordinanza è troppo discriminante in quanto non mirata al singolo problema, colpisce tutte la fasce d’età della popolazione, anche quelle che non causano le problematiche che si intendono perseguire".

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore